Commenta

Calcio Oglio Po,
turno gustoso
in Seconda J

casalese_ev

Cinque trasferte, cinque turni interni: è una domenica equilibrata nella divisione tra match in casa ed esterni, senza derby e con tre scontri diretti particolarmente interessanti.

In Promozione Emilia la Casalese sulla spinta di quattro successi di fila va a Cadelbosco contro una formazione che sin qui ha dato vita a match molto bloccati: solo 6 gol fatti e 7 subiti e un piazzamento al momento sulla soglia dei play out. Per la Casalese è l’occasione ideale per staccare addirittura di 10 punti, in caso di vittoria, la zona caldissima della classifica. Ma anche un pareggio, considerato il vantaggio attuale dei biancocelesti, sarebbe da accogliere col sorriso.

In Prima Emilia, invece, il Viadana deve assolutamente vincere: stavolta i 3 punti sono più importanti che mai dopo 5 pareggi e tre sconfitte, l’ultima delle quali giunta mercoledì nel turno infrasettimanale con la Quarantolese. Angelo Boni era partito male anche l’anno scorso, ma ora lo score è davvero preoccupante: la squadra gioca discretamente, ma non dà continuità e non riesce a concretizzare quanto prodotto: al Comunale la vittoria non può più sfuggire, altrimenti si entra in un circolo vizioso.

Vittoria d’obbligo, ma per altri motivi, anche per il Pomponesco, che va in casa di un Gonzaga insidioso ma non irresistibile  (che pareggia tanto), per ripartire dopo 2 punti nelle ultime tre sfide. Non un ruolino da seconda della classe, anche se in verità l’intera alta classifica ha rischiato il tamponamento, a causa delle contemporanee frenate di Leoncelli (+3 sui blues) e Dak (pari punti con Mantovani e i suoi). Si parla invece di uno scontro diretto in piena regola tra Psg e Porto 2005, con i blaugrana chiamati a vincere la seconda sfida interna consecutiva: i mantovani hanno un punto in più dei casalaschi, dunque a San Giovanni in Croce può andare in scena il sorpasso. Il Porto, comunque, ha un’ottima difesa: con 9 gol presi è la miglior retroguardia della zona bassa.

In Seconda categoria fioccano i match interessanti, in particolare sono suggestivi gli incastri: tra Oglio e Po arrivano infatti le prime tre della classe (girone J), racchiuse in tre punti. La capolista Castello Ostiano va a Piadena, in quello che è un derby molto sentito contro una Martelli reduce da 6 punti e 7 gol fatti negli ultimi 180′. Bando ai rapporti incarogniti tra cugini: a tifare per i giallorossi, stavolta, sono Gussola e Rivarolo. I rossoblu secondi a -1 dall’Ostiano ricevono l’Olmese, che al momento è lontanissima dall’alta classifica, ma vale sicuramente un posto nel gotha del girone: non è dunque un match facile. Sulla carta più semplice l’impegno del Rivarolo che attende la Sospirese, costretta molto probabilmente a lottare sino al termine per salvarsi. I biancoverdi devono vincere e sperare dopo un punto nelle ultime due gare: con una combinazione particolare di risultati Stanga potrebbe tornare primo una settimana dopo avere perso la testa.

Sfida in ciclostile per il Dosolo, che dopo avere impattato nella battaglia di Virgilio, sempre in trasferta trova la Serenissima, formazione che sogna un posto nei playoff e può agganciarlo dopo una partenza timida, figlia anche del ruolo di neopromossa. Parliamo del girone O di Seconda e di presupposti identici a quelli della partita di domenica scorsa, con il Dosolo che partì forte e poi rimase sorpreso, riuscendo comunque a recuperare il risultato. Non c’è invece tempo da perdere per il San Matteo, che in casa del Magna (altra neopromossa come la Serenissima) cerca di togliersi di dosso ragnatele, incognite e paure: bloccata da un ultimo mese col freno a mano, la squadra di Beltrami deve sbloccarsi, possibilmente con un successo perché un pari non cambierebbe le cose, almeno non a livello numerico.

Chiude la Terza categoria mantovana: Lunetta-Cannetese non è certo un match scalda-cuori, ma tra ultima (battuta domenica scorsa nel finale dal San Martino) e i rossoblu penultimi è comunque una sfida significativa per l’orgoglio e per evitare la maglia nera del girone. In attesa di tempi migliori è un primo traguardo per gli uomini di Pandolfo, che sin qui hanno indubbiamente deluso.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti