Commenta

Ecomuseo svela
l’ultima fatica di Conti
edita da Mondadori

fiumepo_ev

L’Ecomuseo “Terre d’acqua fa Oglio e Po” con l’Assessorato all’ambiente e il Parco Oglio Sud all’interno del progetto di Educazione ambientale, comunicazione e promozione “Dentro intorno e lungo il fiume: di acque, di erbe e di animali” invitano la cittadinanza alla presentazione del nuovo libro di Guido Conti. “Il grande fiume Po: una storia da raccontare”, questo il titolo del volume edito da Mondadori, sarà presentato in Sala Saviola del MuVi venerdì 8 novembre alle ore 21 alla presenza di Monica Martelli dell’Ecomuseo e dell’autore.

Si tratta di un libro denso, carico di suggestioni, memoria, cultura e tradizioni. Un viaggio che si fa Storia e si nutre delle storie del quotidiano della gente del fiume, delle sue abitudini e modi di vivere. Un libro che è insieme letteratura, arte, gastronomia e tributo a un fiume che fa parte del nostro Dna.

“Un barcaiolo che ha fatto fortuna” si legge nella breve recensione introduttiva del volume “traghettando le persone da una sponda all’altra quando ancora non esistevano i grandi ponti; una pionieristica repubblica sorta su un’isola in mezzo al fiume; un cacciatore di cadaveri che, all’alba della Liberazione, si muove tra le rive per pescare i corpi dei soldati morti e privarli dei loro ori… Queste sono solo alcune delle vicende straordinarie che affiorano lungo il corso del Po e che Guido Conti ha scelto di andare a recuperare compiendo un vero e proprio viaggio, dalle sorgenti fino al delta. Conti ha risalito il tratto del Monviso che conduce a Pian del Re, dove la scritta “Qui nasce il Po” sancisce solennemente l’inizio del percorso, ha costeggiato il fiume lungo gli argini, ha raccolto curiosità e leggende dalla voce diretta delle persone, ha camminato tra campagne e città raccogliendo aneddoti e facendo rivivere la storia epica di un fiume che ha visto passare gli elefanti di Annibale, i cavalli di Attila, le armi dei Lanzichenecchi e le truppe dei Cacciatori delle Alpi di Garibaldi. Ma soprattutto ha ripercorso la storia della letteratura che è nata sulle sponde del grande fiume attraverso i miti, i volti, i personaggi e le anime che hanno tratto dal Po linfa vitale, ispirazione, energia. Un viaggio lungo il quale rileggere Ovidio, Virgilio, Petrarca, Folengo, Ariosto e insieme tanta narrativa contemporanea, scoprendo itinerari e cortocircuiti del tutto inattesi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti