Commenta

Martignana piange
Cinzia Corradini, ai
fornelli da una vita

cinzia-corradini_ev

Martignana piange una delle persone più apprezzate che vivevano all’interno del territorio comunale, molto conosciuta da tutti per il carattere affabile e per l’attività che svolgeva, che la portava a interagire con molti cittadini.

Se n’è andata ad appena 51 anni Cinzia Corradini, che dall’inizio degli anni ’90 gestiva in paese un negozio di alimentari, che dopo qualche tempo era divenuto anche una gastronomia. Cinzia è spirata nella serata di martedì a causa di un male incurabile che l’aveva colpita nei mesi scorsi.

Cinzia aveva ripreso l’attività di famiglia, una vera e propria passione ereditata dai suoi cari: i suoi genitori, infatti, gestivano una storica gastronomia in via Cavour a Casalmaggiore, vicino al panificio Diliddo, chiusa all’incirca da metà anni ’90. Fu quella una delle prime gastronomie sorte in centro a Casalmaggiore, assieme alla gastronomia-polleria “Ave” in via Baldesio.

Cinzia, residente a Martignana e parmigiana di origine, lascia a piangerla il marito Antonio Braga, i figli Jessica e Majcol, calciatore del Gussola Calcio, la mamma Adriana e la sorella Ines, oltre a tutti i parenti. I funerali si terranno giovedì alle ore 15 presso la parrocchiale di Martignana, partendo dall’abitazione di via Libertà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti