Commenta

Anno della Fede,
udienza dal Papa
per don Franzini

papa-francesco-clementina-ev

Nella foto, una delle udienze di Papa Francesco in Sala Clementina

C’era anche il parroco di Casalmaggiore don Alberto Franzini all’udienza di Papa Francesco in Cala Clementina in Vaticano, lunedì mattina. Il pontefice ha ricevuto oltre trecento persone, fra prelati, vescovi e laici, che hanno partecipato attivamente alle iniziative organizzate nelle varie diocesi per l’Anno della Fede conclusosi domenica 24 novembre.

Don Alberto Franzini si è seduto tra i numerosi volontari, di fronte a Papa Bergoglio: il parroco di Santo Stefano e San Leonardo è anche tra i collaboratori di monsignor Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione. “L’udienza delle ore 11 è appena terminata – racconta don Alberto, contattato subito dopo l’incontro col pontefice -. Papa Francesco ha ringraziato tutti coloro che hanno prestato servizio nelle varie iniziative dell’Anno della Fede. Il suo augurio è che per la Chiesa possa aprirsi un cammino nuovo, che contribuisca a riaccendere la fede, anche nel Vecchio Continente”.

Per don Franzini, niente baciamano: solo venti i fortunati che hanno potuto avvicinarsi a Papa Bergoglio. Tra gli oltre trecento presenti, “vi era anche il presentatore televisivo Carlo Conti“, confida il sacerdote. “Più della metà delle persone ricevute in udienza dal pontefice erano laici, di ogni provenienza geografica”: spiega con voce emozionata il parroco di Casalmaggiore, che sabato scorso, in Duomo, ha concelebrato col vescovo di Cremona monsignor Dante Lafranconi e tutti i vicari e parroci della zona casalasco-viadanese la solenne Eucarestia di chiusura dell’Anno della Fede.

Don Franzini aveva già avuto l’onore di avvicinare Papa Francesco il 27 settembre scorso, quando in occasione del Congresso Internazionale sulla Catechesi fu tra i relatori che intervennero in Sala Paolo VI, dove poté quindi assistere in prima fila all’intervento del pontefice.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti