Commenta

Maratonina record,
la carica degli 820
per l’ospedale Oglio Po

maratonina_ev

Nella foto l’arrivo della Maratonina 2013 in piazza Garibaldi a Casalmaggiore

Ottocentoventi partecipanti: il record di 700 presenze registrato nel 2012 è stata ampiamente superato. Numeri in continuo aumento quelli della Maratonima di Santa Lucia, anticipata quest’anno rispetto alla domenica dicembrina che anticipa il 13 dicembre, giorno dedicato alla Santa più amata dai bambini, anche se va detto che non tutti hanno corso.

Qualcuno, infatti, ha preferito versare il proprio contributo senza prendere parte al percorso, organizzata su tre tracciati pensati da Corrado Arduini dell’Atletica Interflumina: il primo da 5 km con giro di boa a Santa Maria dell’Argine a Vicobellignano, il secondo da 12 km con punto mediano a Fossacaprara, il terzo da 21 km, toccando Cicognara (prima volta del comune di Viadana dopo dodici edizioni) e tornando alla base. Punto di partenza e di arrivo sempre piazza Garibaldi di Casalmaggiore.

Come detto, non tutti hanno corso (circa 450 quelli che hanno preso “sportivamente” parte all’iniziativa), ma 820 sono stati i contributi di iscrizione raccolti: moltiplicando per 5 euro (costo dell’iscrizione) si raggiunge la cospicua cifra di 4100 euro, interamente devoluti all’associazione Amici dell’Ospedale Oglio Po, rappresentati dal vicesindaco Luigi Borghesi, per migliorare la struttura di Vicomoscano che serve l’intero comprensorio. E proprio il comprensorio ha partecipato con quattro comuni: oltre all’amministrazione comunale di Casalmaggiore, che ha organizzato nella figura del presidente del consiglio con delega allo Sport Calogero Tascarella, non sono mancati i contributi (in termini di partecipanti e dunque anche economici) di Gussola, Martignana di Po e della novità Viadana. Quattro i punti ristoro: all’Eridanea, a Fossacaprara, a Roncadello e a Cicognara.

Prezioso l’aiuto del tempo (c’era freddo, essendo dicembre, ma il sole non ha mai smesso di accompagnare la corsa dei temerari), ancora di più quello di enti, scuole e associazioni coinvolte come (li elenchiamo in ordine sparso, non di importanza) Circolo Oltrefossa, Avis Pedale Casalasco, Carabinieri in congedo, Gruppo Alpini, Croce Rossa, Ambulanza Casalasca, Istituto Dedalo, Istituto Diotti, Scuola Marconi, Polo Scolastico Romani, Canottieri Eridanea, Atletica Interflumina E’ Più Pomì, Amici del Po, Amici di Roncadello, Pro Loco di Casalmaggiore, Guardie Ecologiche Volontarie, Protezione Civile e Polizia locale. Presente anche la bottega Equosolidale di Casalmaggiore con una maglietta molto particolare recante la scritta: “Io corro… all’equo e solidale”.

Un momento comunitario che si ripete e trova dunque il meritato successo: e l’ospedale Oglio Po ovviamente ringrazia perché è soprattutto da questi momenti di solidarietà che si riconosce l’attenzione della comunità a un servizio indispensabile come quello sanitario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti