Commenta

Fava a Casalmaggiore
per parlare del nuovo
impianto natatorio

piscina-silla-ev

Nella foto, il sindaco Silla all’uscita dall’incontro

Cosa c’entri lo sport con l’agricoltura veniva spontaneo chiederselo vedendo, sabato mattina di buon’ora, l’arrivo dell’assessore regionale Gianni Fava ospite a Casalmaggiore presso la sede della Canottieri Eridanea. La visita, che doveva essere di tipo privato, non poteva rimanere tale dato che alla riunione oltre al presidente della società di casa, Marzio Azzoni e quello della Polisportiva Amici del Po Paolo Antonini, vi era pure il sindaco di Casalmaggiore Claudio Silla, il presidente del consiglio comunale con delega allo sport Calogero Tascarella, il presidente del Gal Oglio Po Giuseppe Torchio e  Carlo Stassano, anima dell’Atletica Interflumina.

Non si è trattato ovviamente di una visita di cortesia, bensì del secondo incontro tra esponenti locali e regionali sul tema, sempre più d’attualità, della realizzazione di un impianto natatorio coperto a Casalmaggiore. Molti degli attori presenti nel summit tenutosi giorni fa al Pirellone con l’assessore regionale allo Sport, Antonio Rossi, hanno preso parte anche alla riunione casalese di sabato mattina.

“E’ stato un incontro positivo, che abbiamo chiuso con un certo ottimismo. Anche se la strada resta in salita”: ha commentato a caldo il presidente della Polisportiva Amici del Po Paolo Antonini. Con l’assessore regionale di riferimento per il territorio casalasco-viadanese, si è parlato di possibilità e risorse. “Fava si è detto possibilista sul fatto che alcune risorse regionali attualmente non destinate ad alcuna opera possano essere sfruttate per la realizzazione di un impianto che tornerà utile anche all’ospedale Oglio Po di Vicomoscano”: ha spiegato il presidente della Canottieri Eridanea Marzio Azzoni.

La piscina coperta dovrebbe infatti sorgere non distante dal nosocomio casalese, vicino alla centrale a biomasse legnose che ne garantirebbe il riscaldamento con una convenzione economicamente vantaggiosa. L’impianto potrà essere utilizzato anche come struttura riabilitativa per pazienti dell’ospedale Oglio Po. “L’assessore ci ha confermato che se ne potrà parlare ancora in Regione – chiosa Azzoni – e questo ci lascia ben sperare”.

Rosario Pisani & Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti