Commenta

Pomì, il regalo
di Natale più bello:
Ornavasso battuta 3-1

pomi-esulta-storti-ev

Nella foto (Storti), le giocatrici della Pomì esultano

Openjobmetis Ornavasso – Pomì Casalmaggiore  1 – 0 [25-13, 20-25, 19-25, 23-25]

La Pomì Casalmaggiore sbanca il palazzetto novarese di Castelletto Sopra Ticino e si fa il miglior regalo di Natale vincendo contro la rivale storica (nella pur breve vita del sodalizio maggiorino) Ornavasso. Un cadeau anche per i tifosi e per coach Alessandro Beltrami, che ha vinto non lontano da casa. Il primo set è di marca piemontese: le rosa di Beltrami faticano ad entrare in partita e chiudono quasi doppiate da Ornavasso, 25-13 in neanche mezz’ora. La Pomì si riscatta nel secondo parziale: sempre avanti, le casalasche danno lo strappo decisivo nel finale vincendo 25-20. Il terzo set inizia con le locali avanti, ma finisce alla stregua del secondo: con le rosa capaci di prendere il largo, 25-19, e ribaltare l’iniziale svantaggio: 1-2. La partita si chiude nel quarto parziale, il più equilibrato. Pomì avanti, poi ripresa, superata a metà set, ma subito tornata avanti, fino al conclusivo 23-25. Finisce 3-1 per le casalasche che balzano così al quarto posto in classifica insieme a Conegliano e Busto Arsizio, a quota 12 punti. Per Ornavasso ora si apre il difficile capitolo economico: nelle prossime settimane si saprà qualcosa di più sul futuro del team piemontese. Da segnalare il primo successo in campionato per Banca di Forlì, che nella serata di sabato ha battuto 3-1 l’Ihf Frosinone agganciandola così in classifica a tre punti.

Openjobmetis: Signorile 1, Muresan 28, Loda 12, Ikic 9, Tasca 9, Chirichella 9, Ghilardi (L), Pisani 1, Moneta 1 , Senkova 1, ne Montano, ne Gloder, ne Zanin. All.: Bellano-Azzini.

Pomì: Camera , Bacchi 18, Lipicer 13, Gennari 14, Stevanovic 12, Aguirre Perdomo 2, Sirressi (L), Olivotto 7, Grazietti 12, Quiligotti, ne Agrifoglio, ne Zago. All.: Beltrami-Bolzoni.

Arbitri: Andreoni Luca, Cesare Stefano.

Note: spettatori 1.500, durata set 23’, 26’, 27’, 30’, totale 106’. Aces: Openjobmetis 4,  Pomì 4. Battute sbagliate: Openjobmetis 7, Pomì  4. Muri: Openjobmetis 11, Pomì 8. Ricezione: Openjobmetis 55%  (prf  42% ), Pomì  45% (prf  25%).

PARTITA – La sfida tra le due protagoniste dell’ultima edizione dei play-off promozione di A2 se la aggiudica la Pomì Casalmaggiore che dà seguito al successo su Forlì in quattro set e supera con identico punteggio la formazione di Bellano al Pala Amico di Castelletto Ticino. Come con la squadra romagnola la Pomì deve rinunciare a schierare Zago, il cui problema al piede la costringe ad accomodarsi nuovamente in panchina, al suo posto c’è Lucia Bacchi. Invariato il resto del sestetto con Camera al palleggio, Stevanovic ed Aguirre al centro, Lipicer e Gennari in posto quattro, Sirressi nel ruolo di libero. Risponde la Openjobmetis con Signorile in regia, Muresan in posto due, Loda e Ikic di banda, Tasca e Chirichella centrali, Ghilardi libero. E’ un inizio di gara all’insegna degli errori da parte di Ornavasso con due  regali in battuta da parte locali che tengono la Pomì aggrappata sul 2 a 2. Quindi le piemontesi cambiano marcia e vanno avanti 5-2. La Pomì deve rincorrere costantemente e Bacchi sembra l’unica in grado di mettere in apprensione le avversarie andando a segno con costanza da zona due. Anche il time-out tecnico vede avanti le ragazze di Bellano (12-8) che si agevolano di un ottimo avvio di Chirichella e di Loda. Il distacco tra le due squadre si fa consistente sul 16-9 per le piemontesi, mister Beltrami prova a dare la scossa richiamando in panchina addirittura la capitana Tina Lipicer, al suo posto Grazietti e provando a rinforzare la seconda linea con Quiligotti per Bacchi. Non c’è partita con Ornavasso efficace e concreto da posto quattro e insuperabile a muro, fondamentale dal quale arrivano punti a ripetizione. Il set si chiude 25-13 con dominio assoluto delle ragazze di Bellano. Gli sviluppi del primo set inducono nel secondo la panchina rosa a provare una variante al centro, dentro Olivotto per Aguirre, ritrova il suo posto nel sestetto tipo Lipicer per Grazietti. E’ tutta un’altra storia con la Pomì che sembra rompere gli indugi e prova ad incutere timore ad Ornavasso. I primi scambi mettono in evidenza una squadra casalasca decisa in battuta e convinta a muro. Il punteggio in effetti ne risente con il vantaggio delle rosa sul 5-11 e che poi sul 9-15 con Olivotto capace di dare maggiore incisività al gioco dal centro e la collega di reparto Stevanovic altrettanto efficace. Ornavasso non ci sta e con un parziale di 5-0 si rifà sotto. Si fa risicato il vantaggio della Pomì dopo fallo fischiato in seconda linea a Bacchi (14-16). Arriva ad un punto da Casalmaggiore la Openjobmetis dopo doppio in palleggio fischiato a Camera (16-17), Gennari riporta a + 2 le ospiti ma Chirichella ci mette del suo accorciando ancora. A quota venti la Pomì mantiene ancora due punti di vantaggio ma Ornavasso è micidiale dal centro dove Chirichella continua ad andare a segno. La classe di Lipicer frutta il 19-21 con pipe devastante, quindi la slovena si ripete da zona quattro siglando il 20-22. Prova ad alzare il muro il tecnico rosa Beltrami con Grazietti per Camera e la neo entrata va a segno in attacco per il 20-23. L’errore di Loda da seconda linea regala il primo set-ball alla Pomì Casalmaggiore che poi chiude 20-25 dopo amnesia sotto rete delle padrone di casa. Torna in campo più decisa che mai Ornavasso e prova a ripercorre l’avvio di primo set mettendo in soggezione la ricezione rosa. La tattica dà i suoi frutti con le piemontesi avanti 4-1. La Pomì non ci sta e perfeziona il pareggio dopo ace di Bacchi (4-4) e mette il set sui binari dell’equilibrio. Una palla dentro di mezzo metro di Lipicer valutata fuori frena l’avanzata della Pomì che poi si vede scavalcare dalle locali sul 10-8 dopo pipe vincente di Ikic e muro di Chirichella su Olivotto. Casalmaggiore è di nuovo sul pari (10-10) dopo ace di Olivotto che poi si ripete dai nove metri realizzando il punto del 10-11. E la Pomì ad arrivare al time-out tecnico avanti 10-12 dopo mani out di Bacchi, quindi la squadra di Alessandro Beltrami vola sul 12-15 dopo bel servizio di Gennari che costringe la ricezione di casa in affanno agevolando la chiusura sotto rete di Stevanovic. Le Api iniziano a sbagliare e le rosa dopo errore di Ikic si porta sul 12-16. La stessa Ikic lascia quindi campo all’ex Moneta. Quando la Pomì arriva sul 15-19 mister Bellano tenta anche la carta Pisani per Chirichella e la neo entrata va a segno con gran muro su Lipicer per il 17-20. La slovena però è formidabile nel trovare le mani alte del muro di Ornavasso per il punto del 17-21. Cambia ancora Ornavasso, dentro Senkova per Loda con Casalmaggiore sul 17-22 poi tramutato in 17-23 dall’errore grossolano di Signorile. Prova ad interrompere il momento no della propria squadra Muresan realizzando il punto numero diciotto ma subito Bacchi riporta sicurezza in casa rosa regalando il set ball, chiude con muro imperioso su Senkova la serba Stevanovic. Nel quarto set Ornavasso conferma Moneta schierandola però al posto di Ikic, invariato il resto del sestetto con Loda che ritrova il campo dopo la sostituzione del finale di terzo set. Combattuto ed  avvincente l’inizio di parziale con la Pomì che prova a scappare sul 4-6 e Ornavasso che si rimette in corsa con una grande Tasca. Casalmaggiore ritrova il + 2 (8-10) dopo attacco fuori giri di Chirichella dal centro e di nuovo dopo ace di Olivotto (10-12). A metà set si viaggia sul pari (15-15), il punteggio rispecchia un sostanziale equilibrio sul piano del gioco che la Pomì prova a rompere con due colpi magistrali di Lipicer che issano la squadra sul 16-18. E’ ancora la slovena protagonista del 18-20. La Pomì è lanciatissima e non frena più volando a chiudere 23-25 con gran colpo di Gennari che mette a frutto il terzo match-ball da zona quattro sfruttando le mani alte del muro di casa.

INTERVISTE – E’ stata l’emblema della sofferenza della Pomì sul campo di Ornavasso ed alla fine ha potuto gioire con la propria squadra per un grande risultato. “Oggi sono veramente molto contenta – dice Lucia Bacchi – vuoi perché con Ornavasso ci sono stati precedenti importanti vuoi perché la squadra voleva regalarsi un bel Natale, oggi la Pomì ha dato tutto quello che aveva. Questa è la vittoria della squadra, del collettivo capace di mettere in pratica le direttive del proprio allenatore, di sorprendere le avversarie con le loro stesse armi, sacrificio in difesa, aggressività in attacco e battuta e tanta tanta pazienza”. Dopo un primo set perso tanto nettamente avete temuto il peggio. “Siamo rientrata in campo consapevoli di non esserci espresse al meglio e certe di aver archiviato la parentesi di studio e di adattamento che sapevamo necessaria. Poi tutto è cambiato a nostro favore, le sicurezze di Ornavasso hanno iniziato a scricchiolare ed alla fine è arrivato il meritato successo”.

Il tecnico della Pomì Alessandro Beltrami, di Omegna e quindi quasi di casa a Castelletto Ticino, ovviamente ci teneva a ben figurare con la propria squadra ed alla fine ha coronato il suo intendimento. “Sono contento per me ma soprattutto per la squadra, queste ragazze stanno sudando da mesi e il merito è tutto loro. Provare in allenamento certe cose e poi doverle riproporre in maniera impeccabile in campo come ha fatto la Pomì, non è per niente facile. Sapevamo che per battere Ornavasso sarebbe servito giocare con le loro stesse caratteristiche, quindi difendendo alla morte e mettere in ogni gesto, su ogni palla tanta aggressività. Alla fine ci è riuscito dal secondo set, toccare a muro così come osare al servizio è stato fondamentale, e per questo ho optato per il cambio di Aguirre con Olivotto che ancora una volta non ha deluso. Adesso ci godiamo il Natale, a proposito auguri a tutti, poi a Santo Stefano vedremo di provare a chiudere in gloria un 2013 già da incorniciare”. E’ di poche ma significative parole la centrale di Ornavasso Tasca, una che nelle precedenti sfide con Casalmaggiore è sempre stata presente. “Onore alla Pomì per aver saputo interpretare la gara con il giusto spirito, noi però non abbiamo giocato secondo i nostri standard e questo ha agevolato le operazioni di una Pomì sui cui meriti non ci sono comunque dubbi”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti