Commenta

Torre, il sindaco
striglia i ragazzi e loro
ripuliscono dai rifiuti

bazzani-rifiuti_ev

Nella foto, Mario Bazzani e la sporcizia lasciata dai ragazzi con dietro la comunicazione del sindaco

TORRE DE’ PICENARDI – E’ mediante un post apparso nella giornata di domenica sul profilo Facebook del sindaco di Torre de’ Picenardi Mario Bazzani, che vengono messi in risalto per l’ennesima volta i negativi comportamenti dei giovani nei confronti dell’ambiente. “Che tristezza vedere ogni domenica mattina i gradini del municipio coperti di barattoli di estathè. Ma ai nostri ragazzi nessuno ha insegnato a cosa servono i cestini portarifiuti?” si domanda con evidenti toni seccati il primo cittadino torrigiano.

Il problema? Sempre lo stesso: l’abbandono, da parte della gioventù del paese, di una grande quantità di rifiuti (bottiglie di plastica consumate, involucri di alimentari…). Ma, a quanto pare, questa volta il limite è stato davvero oltrepassato, cosa che ha indotto il sindaco Mario Bazzani ad affiggere in uno dei tanti luoghi ricchi di rifiuti (lasciato tale) un cartello, nella foto, che riportava: “Sembra che qualcuno non sappia a che cosa servono i cestini portarifiuti!”

Sono state, in questo caso, lamentele utili e costruttive quelle del primo cittadino di Torre, che hanno indotto i giovani del comune casalasco a scusarsi senza esitazione con l’amministrazione comunale e a pulire immediatamente il suolo pubblico contaminato da sporcizia di vario tipo; è quanto si apprende dall’ultimo post pubblicato su Facebook da Bazzani, che decide di rendere immediatamente pubblica la situazione. Si tratta indubbiamente di un episodio insolito, ma allo stesso tempo positivo quello avvenuto tra la giornata di domenica e quella di lunedì a Torre de’ Picenardi. All’amministrazione comunale e alla cittadinanza tutta ora non resta che sperare che questi episodi di mancato rispetto verso l’ambiente in cui si vive cessino una volta per tutte di esistere.

E. G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti