Commenta

Dall’associazione Persona
Ambiente nuovo contributo
per La Rete

persona-ambiente-rete-ev

Nella foto, i presenti alla consegna dei fondi per La Rete

CASALMAGGIORE – Un anno fa la raccolta fondi per una scuola in Nepal: soldi giunti a destinazione grazie all’alpinista Fausto De Stefani. Oggi, un contributo a chilometri zero: l’associazione Persona Ambiente ha consegnato sabato mattina in municipio il ricavato dell’iniziativa “Pane&Cioccolato” promossa a dicembre nelle scuole primarie di Casalmaggiore, Vicobellignano, Vicomoscano, Rivarolo del Re ed Uniti e Martignana di Po.

Una merenda a base di pane dei fornai locali e di cioccolato della filiera equosolidale, per far intraprendere ai piccoli studenti “Il GiroMondo dei Bambini” insieme al canoista e giornalista Valerio Gardoni, con attività proposte dai volontari dell’associazione Persona Ambiente: con questi ingrediente l’associazione che ha in Damiano Chiarini il referente è riuscita a raccogliere mille euro (tra offerte delle famiglie e contributo della onlus stessa) destinati al progetto La Rete, attivato in sinergia da comune di Casalmaggiore e terzo settore per il sostegno delle cosiddette nuove povertà casalesi.

“Abbiamo pensato a La Rete – spiega Chiarini – perché si tratta di un progetto strutturato. La nostra è una piccola goccia, ma se tutte le associazioni contribuissero, insieme si potrebbero fare grandi cose”. Da un anno all’altro, una piccola contrazione nelle offerte c’è stata: quest’anno l’ha ripianata l’associazione, che vorrebbe continuare a proporre l’iniziativa: “Speriamo in una sempre maggior collaborazione di insegnanti e famiglie, che non sia a spot ma duratura. E’ importante educare i bimbi su temi come lo sfruttamento del terzo mondo. Noi mettiamo a disposizione volontari ed esperti, gratuitamente e vorremmo continuare a farlo”.

Un plauso all’iniziativa è arrivato dall’assessore ai Servizi Sociali del comune di Casalmaggiore Pierluigi Pasotto: “Con l’apporto di Persona Ambiente si dà un messaggio forte, un atto d’indirizzo che potrebbe essere seguito da altre associazioni. La Rete è un progetto aperto, che si rimodula ogni trimestre a seconda dell’esperienza maturata nel tempo”. “E’ importante non limitarsi al solo assistenzialismo”: ha sottolineato Chiarini. “Bisogna dare anche alle persone in difficoltà gli strumenti per poter riprendere a camminare da soli”: parole fatte proprie anche da Pasotto.

A ringraziare l’associazione Persona Ambiente, anche il vicesindaco Luigi Borghesi, che ha ribadito l’importanza di ogni contributo in un momento di difficoltà conclamata anche per quanto riguarda il solo acquisto dei farmaci, e di Paolo Bocchi, presidente di Amurt Italia, onlus amica della prima ora del progetto La Rete.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti