Commenta

Casalmaggiore, Lidl
si amplia e cerca nuova
sede per non migrare

lidl_ev

Nella foto il Lidl di Casalmaggiore

CASALMAGGIORE – Il Lidl non lascia, anzi raddoppia o forse triplica. Il discount che dalla Germania, paese d’origine, ha piano piano preso piede in Europa, a Casalmaggiore potrebbe presto abbandonare la sede attuale in fregio alla strada Asolana. Ma non, come si era detto inizialmente, per chiudere del tutto. Anzi.

Le voci non sono al momento confermate dall’ufficio stampa del discount, ma si fanno sempre più insistenti e vorrebbero il supermercato in procinto di trasferirsi in una nuova zona di Casalmaggiore in un locale più grande. Questo perché, in barba alla crisi e confermando il buon rapporto con la clientela, il nuovo Lidl intenderebbe dare il via a due attività collaterali, come già avviene nel discount della vicina Colorno, di forneria e pescheria, con pane e pesce fresco fatto “in casa” ogni giorno.

Non si hanno tuttavia indicazioni precise sulle tempistiche (ma si parla del prossimo maggio): pare infatti che i vertici di Lidl Italia stiano, al momento, ancora cercando una collocazione non troppo lontana né dal centro né dalle vie di passaggio urbane ed extraurbane. Una ricerca ancora lungi dal terminare che, se non dovesse andare a buon fine, potrebbe portare anche al trasferimento fuori Casalmaggiore (ma questa è un’ipotesi per ora non ancora presa in seria considerazione): se il trasloco dovesse essere perfezionato, le commesse e impiegate del Lidl di Casalmaggiore per qualche settimana sarebbero trasferite tra i punti vendita di Colorno e Viadana, per dare loro modo di non perdere ore preziose di lavoro e, nel mentre, favorire comunque il passaggio da un edificio all’altro.

Una notizia curiosa e abbastanza inattesa, se si considera che soltanto tre mesi fa i proprietari dell’edificio sulla statale Asolana (Lidl lì è in affitto) hanno concluso i lavori di smaltimento eternith dal tetto. E una novità che potrebbe favorire, a questo punto, anche la realizzazione dell’attesa rotonda per “stappare” il traffico ad oggi regolato dai semafori.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti