Commenta

Il Trofeo Foresti
a Casalmaggiore. Una
mostra a Canneto

Facconi-Foresti-ev

Nella foto, Attilio Facconi e la locandina dell’evento che immortala la coppia Foresti alla guida della amata Bugatti

La famiglia di Guido ed Elda Foresti ha voluto ricordare i genitori, scomparsi come noto in volo a Los Roques più di un anno fa, attraverso una manifestazione di auto storiche, loro grande passione. Lo hanno pensato i figli della coppia, Pietro e Cesare, e da questo è nato il primo “Trofeo Foresti”, riservato a vetture costruite entro il 1969. La gara si disputerà il 22 e 23 marzo, ed avrà inizio sabato 22 con le veriffiche tecnico-sportive dalle 13 alle 18 proprio nella sede della azienda Foresti di Pralboino. Seguirà la cena di gala a Persico Dosimo, quindi domenica 23 il percorso di 240 km tra le province di Brescia, Mantova e Cremona, le zone care ai Foresti, che anche a Casalmaggiore hanno un punto di distribuzione laterizi. Da Pralboino il percorso si snoderà a Canneto sull’Oglio, dove ci sarà la sosta pranzo, quindi Casalmaggiore, Bozzolo e finale sul bresciano per tornare all’arrivo di Pralboino. Le iscrizioni si chiudono martedì 18 marzo.

L’Amministrazione Comunale di Canneto sull’Oglio è andata oltre, inserendo una interessante iniziativa nel programma della manifestazione. Il Trofeo Foresti transiterà dal centro del paese domenica 23 marzo dalle ore 9.15 alle 11 circa, con sosta delle auto in Piazza Matteotti per la timbratura.

Per l’occasione, venerdì 14 marzo alle ore 21 verrà inaugurata presso la Sala Civica di Piazza Gramsci la mostra fotografica sulle auto d’epoca “Una passione… una corsa. Le auto delle Mille Miglia”, a cura di Attilio Facconi, che sarà visitabile fino al 30 giugno. Nell’occasione saranno presenti Pietro e Cesare Foresti e il presidente del Comitato Organizzatore della gara Rossella Labate. Orari di apertura della mostra: sabato 15-18,30, domenica e festivi 10-12,30 e 15-18,30, ingresso libero. La scelta delle Mille Miglia non è casuale: oltre ad essere la manifestazione di auto storiche più importante (il direttore del Trofeo Foresti sarà Lucio De Mori, lo stesso della superclassica), è la manifestazione cui era particolarmente legato Guido Foresti, che si è cimentato più volte con la sua Bugatti 37A del 1927.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti