Commenta

Cizzolo, sala civica
gremita per ricevere
notizie agrodolci

lavori-argine_ev

Nella foto l’argine tra San Matteo e Cizzolo con le ruspe

CIZZOLO (DOSOLO) – Era gremita la sala civica di Cizzolo, nonostante l’orario di convocazione (le 18 di giovedì) che non ha consentito a tutti di essere presenti per impegni di lavoro. Una partecipazione vasta, che testimonia l’importanza delle tematiche trattate dal confronto della cittadinanza con i rappresentanti del comune di Viadana, della Provincia di Mantova e di Aipo: si è parlato quasi esclusivamente di infrastrutture, ossia della tematica che riveste carattere di maggiore urgenza, rimandando il dibattito su altri problematiche incluse nell’ordine del giorno del confronto e che potranno essere discusse prossimamente.

Alcune certezze sono arrivate dai tecnici della Provincia: in primis, il famigerato ponte di Torre d’Oglio sarà riaperto entro la fine di marzo, dunque nelle prossime due settimane. Via Fossola e via Terzone, invece, ovvero le due strade che consentiranno di aggirare il malmesso (e per ora chiuso) argine San Matteo-Cizzolo, saranno asfaltate e messe in sicurezza entro l’estate 2014. In questo secondo caso la nuova segnaletica orizzontale sarà posata entro due settimane. In teoria, dunque, nel giro di 3-4 mesi San Matteo avrà due opzioni viarie risistemate.

Tempi invece molto più lunghi per l’argine: va infatti completamente rifatta la strada per un chilometro e 350 metri. Qui i lavori inizieranno in autunno ma per almeno un anno e mezzo nessuno potrà passare sopra alla strada: come era stato annunciato (ora è giunta la conferma ufficiale), l’argine Cizzolo-San Matteo riaprirà quindi solo nel 2016.

Ultima novità, non positiva, è giunta sulla richiesta della bretellina di Cizzolo: sarà sì inserita nel nuovo Pgt provinciale, ma è stato detto chiaro e tondo che i soldi non ci sono, dunque l’opera rischia di rimanere una chimera. Anche per questo molti residenti della zona sono usciti abbastanza insoddisfatti.

A margine è stato anche lanciata una proposta da un cittadino a nome del Comitato Frazioni Nord che ha chiesto a comune e Provincia di attivare un servizio di sms, al quale i cittadini potranno iscriversi mediante apposita registrazione, che consenta di conoscere in anticipo eventuali chiusure del ponte di Torre d’Oglio. L’idea è al vaglio dei due enti pubblici.

Piccola polemica, infine, creata dalla confusione tra il Comitato Frazioni Nord e la pagina Facebook “Salviamo le Frazioni Nord”: qualcuno ha detto di non avere compreso bene la distinzione. Gli amministratori della pagina Facebook, tuttavia, chiariscono che il ruolo del Comitato è rimasto intatto e che anzi il mezzo internet serve proprio ad aiutare il lavoro del Comitato, raccogliendo, da parte di tutti i cittadini, richieste e problematiche segnalate quotidianamente tramite web.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti