Commenta

Trofei Foresti-Nuvolari:
un tuffo nel passato
per il comprensorio

foresti-nuvolari-ev

Nella foto, alcune auto d’epoca transitate nel comprensorio e concentrate a Sabbioneta

CASALMAGGIORE/SABBIONETA – Si è concluso un week end all’insegna delle auto d’epoca e dei memorial, nel comprensorio Oglio Po. Tra sabato e domenica è transitato anche nel casalasco il ‘Trofeo Elda e Guido Foresti’, una gara Aci-Csai riservata a veicoli realizzati entro il 1969. La manifestazione, nata dalla volontà dei figli Pietro e Cesare e degli amici di Guido Foresti, di mantenere vivo il ricordo di un grande imprenditore attivo con due aziende anche a Drizzona e Casalmaggiore, scomparso il 3 gennaio 2013 nelle acque venezuelane a bordo di un aereo su cui viaggiava con la moglie Elda Scalvenzi, con Vittorio Missoni e la consorte Maurizia Castiglioni. Una scelta, quella delle auto d’epoca, che si collega ad una delle più grandi passioni dell’imprenditore bresciano, spesso partecipe a competizioni di regolarità per auto storiche come la Mille Miglia, che lo vedeva in corsa con la sua Bugatti 37 A del 1927. Il percorso del ‘Trofeo Elda e Guido Foresti’ ha visto fissata la partenza a Pralboino, che diede i natali a Foresti: 240,53 i chilometri macinati dalle auto d’epoca che sono transitate per le province di Brescia, Mantova e Cremona. Canneto sull’Oglio, Drizzona, Casalmaggiore, Sabbioneta e Bozzolo sono le località del comprensorio Oglio Po che hanno visto il passaggio con timbratura delle vetture in corsa. A Pralboino l’arrivo.

A Sabbioneta, l’intreccio di ricordi e nostalgie è stato doppio, perché ad incrociarsi sono state due manifestazioni, in una quanto meno curiosa coincidenza: oltre alle auto d’epoca del ‘Trofeo Elda e Guido Foresti’, vi erano anche le vetture del ‘Trofeo Breda Tazio Nuvolari’. Tutte le vetture hanno trovato spazio sia in piazza Ducale che nelle vie limitrofe incantando la gente coi loro rombi caratteristici e le loro linee appuntite straordinariamente fuori dal tempo e dalle mode attuali.

Simone Arrighi & Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti