Commenta

Velo Ok, primo
rodaggio: agenti
presenti con il velox

velok_ev

Nella foto uno dei Velo Ok

CASALMAGGIORE – Spauracchi sì o spauracchi no? Di sicuro il sistema di deterrenza al traffico dei Velo Ok ha spinto la polizia locale e il comune di Casalmaggiore, nelle scorse ore, a dimostrare che in tema di sicurezza si fa sul serio. Una mossa che pare avere colto nel segno a giudicare dalle segnalazioni che sono arrivate da alcuni automobilisti alla nostra redazione.

Ecco perché, accanto a uno dei sette Velo Ok arancioni sistemati non più tardi di tre settimane fa lungo la strada provinciale Asolana, è spuntata una pattuglia della polizia locale. Come noto il Velo Ok, in sè, non serva a rilevare infrazioni, ma è semplicemente un contenitore che può nascondere al proprio interno un regolare autovelox. Quest’ultimo però può portare a comminare sanzioni soltanto se sul posto, al momento dell’infrazione, è presente una pattuglia, viceversa la sanzione diventa carta straccia.

Per questo motivo due agenti della polizia locale di Casalmaggiore, peraltro non con l’auto di servizio bensì ulteriormente mimetizzati dalla presenza davanti a loro di un’utilitaria grigia, nel primo pomeriggio di martedì, per un paio d’ore, hanno sostato davanti al Velo Ok vicino alla curva del ristorante pizzeria Piccolo Paradiso, locale peraltro sfortunato in tema di incidenti stradali, dato che ogni tanto capita che qualche auto che viaggia a velocità troppo sostenuta finisca sotto al porticato provocando una grande paura ma per fortuna (per ora) non feriti.

Va detto che per un paio di mesi i Velo Ok saranno ancora alla fase sperimentale, dunque con ogni probabilità la presenza dei due agenti è servita solo a dare un segnale alla cittadinanza e agli automobilisti, specie a quelli più indisciplinati: meglio non correre, dato che ogni tanto – questa sembra essere il messaggio – qualche agente con un velox sarà presente lungo l’Asolana vicino ai Velo Ok. E questo non è un pesce d’aprile…

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti