Commenta

Viadana, M5S
torna a chiedere
lumi sul Giudice di Pace

m5s

VIADANA – In tempo di spending review e di incertezze dal punto di vista anche dei servizi minimi, Viadana vive giorni (ma sarebbe meglio dire settimane) di incertezza, senza ancora sapere se potrà ancora mantenere sul proprio territorio comunale l’ufficio del Giudice di Pace. L’ok del Ministro della Giustizia Andrea Orlando, infatti, si scontra con le richiesta della commissione del Tribunale di Mantova che chiederebbe uffici più grandi rispetto a quelli individuati in un primo momento del comune a proprio spese.

Sulla questione torna a farsi sentire il Movimento 5 Stelle, che già un mese fa aveva sollecitato l’amministrazione a fare chiarezza. “Interveniamo nuovamente sulla questione Giudice di Pace” scrivono i pentastellati viadanesi nel loro comunicato “dopo essere stati contattati da diversi avvocati locali, per tornare a chiedere con forza al Dott. Giorgio Penazzi di fare immediata chiarezza sul tema e dare rassicurazioni ai cittadini e professionisti che attendono con urgenza l’esito positivo delle procedure per il mantenimento del servizio, grazie alla disponibilità del Comune di locali idonei come richiesto dal Ministero. Ricordiamo che ad inizio estate del 2013, sui canali di informazione ufficiali del Comune, il Dott. Penazzi aveva dato ampie rassicurazioni in merito”.

Segue una serie di tre richieste. “In particolare chiediamo: quale sia il termine per trovare i locali idonei ad ospitare la nuova sede del Giudice di Pace, per poi comunicarla all’Autorità competente, visto che quelli già identificati sembrerebbero non rispondere ai requisiti richiesti; se il municipio di Viadana non abbia proprietà immobiliari da assegnare alla predetta destinazione d’uso e, nel caso di risposta negativa, per quale motivo l’amministrazione nulla sta facendo per cercare un immobile in locazione; in quale misura percentuale i costi di gestione del Giudice di Pace inciderebbero sul bilancio comunale”.

L’auspicio dei 5 Stelle è condiviso dalla maggior parte dei partiti politici e dei cittadini. “Per il M5S Viadana il mantenimento del GdP è importante perché un’eventuale perdita dell’ufficio creerebbe disagi e aumenti dei costi per i singoli cittadini, avvocati e periti. Dopo la risposta positiva del Ministero, la scelta del mantenimento dipende tutta dalla volontà politica di questa amministrazione. Confidiamo in una cortese e rapida risposta, per l’intera comunità viadanese”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti