Commenta

Marijuana in auto
e in casa: in arresto
35enne nigeriano

carabinieri-ev

CASALMAGGIORE – E’ stato arrestato nella notte tra giovedì e venerdì un uomo di 35 anni originario della Nigeria ma residente a Casalmaggiore. I carabinieri del radiomobile di Casalmaggiore lo hanno infatti fermato in via Trento, mentre era a bordo della sua vettura assieme ad alcuni connazionali.

P. M., rispondendo ai militari, ha denotato una scarsa lucidità, motivo per cui gli stessi carabinieri hanno preferito approfondire la questione del classe 1979 e degli uomini che erano in auto con lui. L’intuizione è stata corretta: a bordo dell’auto, infatti, la susseguente perquisizione ha fatto emergere presenza di marijuana. I carabinieri non si sono però fermati e, a quel punto, hanno ispezionato anche la casa dell’uomo: all’interno è stata trovata altra marijuana, per un totale di 214 grammi. Lo straniero è stato dunque condotto, in arresto, nella camera di sicurezza di via Cavour, dove sorge la caserma dei carabinieri. Ora il 35enne attende il processo per direttissima a Cremona, in tribunale. Nel mentre la vettura è stata sottoposta a sequestro amministrativo: non era infatti coperta in alcun modo da assicurazione. Nessun problema, pare, per i connazionale del 35enne, che erano con lui al momento dell’arresto: sono semplicemente stati controllati e sono stati chiesti loro i documenti per avere sott’occhio le generalità.

AGGIORNAMENTO DI VENERDI’ ALLE ORE 14.10 – Pena sospesa per il 35enne di origine nigeriano nel processo per direttissima svoltosi venerdì mattina in Tribunale a Cremona. P. M., difeso dall’avvocato Cesare Grazioli assegnato d’ufficio, ha patteggiato una pena di un anno e quattro mesi di reclusione e 9mila euro di multa. Dato che però il 35enne non aveva precedenti specifici, se non una vecchia condanna per un reato ora depenalizzato relativo alla legge Bossi-Fini, la pena è stata sospesa dal giudice Maria Stella Leone. L’uomo è quindi rientrato a Casalmaggiore.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti