Commenta

Pasquetta ‘alcolica’
in oratorio: 14enne
finisce in ospedale

dosolo-oratorio-ev

Nella foto, l’oratorio di Dosolo

DOSOLO – Un’ambulanza della Croce Verde di Viadana è intervenuta nella notte tra lunedì e martedì presso l’oratorio di Dosolo per soccorrere un ragazzo che aveva esagerato con gli alcolici. L’intossicazione etilica ha riguardato un 14enne che faceva parte di un nutrito gruppo di amici: la compagnia aveva organizzato una festa all’interno della sala oratoriale che la parrocchia mette a disposizione di chiunque ne faccia richiesta. Il parroco del paese non era presente al momento in cui sono stati chiamati i soccorsi essendosi coricato diverso tempo prima. “La festa non era organizzata dalla parrocchia”: tiene a precisare don Alessandro Capelletti, da sedici anni a Dosolo. “Noi ci limitiamo a dare lo spazio a chi ce lo richiede anche se qualche volta dobbiamo registrare danni e vandalismi che poi tocca a noi sistemare”.

Il prete ricorda di avere fatto un giro di controllo verso sera, mentre la festa in corso, senza notare nulla di anomalo. Lo stesso don Sandro tiene comunque a sottolineare come sia dovere dei genitori sorvegliare i propri figli sopratutto quando si tratta di minorenni. Il party era iniziato nel pomeriggio di lunedì, giorno di Pasquetta, e aveva raggruppato una trentina di ragazzi di vari comuni limitrofi. Del gruppo faceva parte anche il 14enne poi colpito da intossicazione: il giovane risulta residente in comune casalasco. I ragazzi si erano portati da mangiare e da bere, oltre alle apparecchiature per riprodurre musica.

Tutto era filato liscio sino a quando poco dopo mezzanotte il gestore del bar Acli che sorge a fianco dell’oratorio ha visto arrivare trafelato un giovane che chiedeva di chiamare i soccorsi. Il gestore, impegnato con altri clienti, ha notato che era giunto anche uno dei genitori coinvolti nella festa e per questo ha ripreso le sue faccende. “Io non so né cosa né quanto abbia bevuto quel ragazzino – precisa il barista -. Certo qui nessuno aveva comperato niente. Da quanto ho sentito dire i ragazzi avevano fatto acquisti in un supermercato arrivando nell’oratorio già con le borsine piene di bottiglie”.

Sta di fatto che intorno all’una di notte l’ambulanza ha portato presso l’ospedale Oglio Po il 14enne che aveva alzato troppo il gomito a Pasquetta in un locale dell’oratorio. Il giovane, come confermano dal presidio di Vicomoscano, è stato dimesso nell’arco della giornata di martedì.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti