Commenta

Consiglio a Viadana
mercoledì prossimo
“Qui tutto è precario”

consiglio-viadana_ev

Nella foto una delle ultime sedute del consiglio comunale di Viadana

VIADANA – “Qui è tutto è precario”: questa l’espressione raccolta all’interno del Municipio di Viadana negli ultimi giorni, a testimonianza di uno scoramento e di una delusione estremamente palpabile. Più che un atteggiamento di insoddisfazione sembra una vera e propria dichiarazione di abbandono da parte di chi da mesi subisce attacchi feroci, allo scopo di togliere credibilità e fiducia ad una giunta che pure era stata eletta grazie all’appoggio di forze politiche che oggi subiscono esse stesse le conseguenze di una campagna denigratoria.

Ci sono stati tentativi di riappacificazione anche recenti tra il sindaco Giorgio Penazzi e il capogruppo del Pd Paolo Zanazzi con reciproche promesse di abbandonare i toni cruenti arrivando ad una specie di patto di non belligeranza per ora mai rispettato. Adesso che il Pd viadanese, nella fattispecie i due circoli che si sono creati in seguito alla spaccatura, risultano a loro volta nel caos per via del commissariamento subito, c’è da chiedersi veramente che strada prenderà la politica viadanese e soprattutto quando l’attività amministrativa potrà riprendere il cammino necessario a portare avanti i progetti che la città attende.

Uno tra i tanti la realizzazione della “Cittadella della salute”, i cui costi nel frattempo sono lievitati del 9% a causa di questi mesi perduti. Intanto mercoledì prossimo 30 aprile tornerà a riunirsi il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno comunicazioni del sindaco e la presentazione del bilancio consuntivo 2013, punto decisamente molto caldo. L’assemblea inizierà alle 18,30.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti