Commenta

Claudio Silla: “Pronti
a governare per
altri cinque anni”

silla-sede-lista-ev

Nella foto, i candidati pro-Silla nella sede elettorale

CASALMAGGIORE – Il taglio del nastro del quartier generale pro-Silla, in piazza Garibaldi, apre ufficialmente la campagna elettorale del sindaco uscente a caccia del secondo mandato. “Siamo pronti per governare ancora Casalmaggiore”: ha aperto le danze Claudio Silla, con al fianco Paola Daina e di fronte i trentuno candidati che compongono le liste a suo sostegno: Insieme – Casalmaggiore e le sue frazioni, che dà continuità alla maggioranza uscente, e Casalmaggiore la nostra casa – Verso il 2020, che unisce invece volti noti e meno noti al panorama politico cittadino. Dalla stessa Daina e dai consiglieri che hanno partecipato alla vita amministrativa di Casalmaggiore è partito il primo ringraziamento “a Fabio Federici, Chiara Capra, Enrico Valenti, Franco Feroldi” e all’assessore alle Pari Opportunità uscente “che non si ricandiderà per scelta personale ma che sta dando un contributo fondamentale per la stesura del programma”.

“I nostri candidati sono tutti di Casalmaggiore e più della metà sono alla prima sfida amministrativa. Le due liste si compongono in totale di dodici donne. Lunedì inizieremo il tour nelle frazioni. Da settimana prossima distribuiremo gli opuscoli col nostro programma”: così Silla, che ha poi parlato di “proposte possibili e credibili, nel segno della sostenibilità ambientale, come l’impianto fotovoltaico della scuola primaria presentato in mattinata e come il progetto di rinnovare l’illuminazione pubblica con lampadine led”. Lo sguardo al futuro ha toccato i temi cari alla percezione della sicurezza cittadina, come “il telecontrollo, i varchi elettronici e la continua attenzione ai bandi di Fondazione Cariplo, Regione ed Europa, che nei prossimi anni finanzierà progetti riguardanti le ciclabili”. “Anche le altre liste hanno presentato programmi con spunti interessanti – ha specificato Silla – ma noi aggiungiamo alle idee capacità e autorevolezza, che nascono dall’esperienza e dallo spirito di gruppo di una squadra che ha governato senza fratture, confrontandosi e senza mai litigare”. “Abbiamo amministrato un comune in costante crescita demografica diminuendo l’indebitamento e investendo oltre cinque milioni di euro in opere viabilistiche, restauri, riqualificazioni. Il tutto senza fare passi indietro in ambito di servizi. Basta col dire che Casalmaggiore deve essere rilanciata e tornare centro di riferimento del Casalasco – ha poi tuonato Silla -. Casalmaggiore è già centro di riferimento del territorio e lo dimostra l’autorevolezza con cui abbiamo allargato iniziative come i distretti del commercio ad altri comuni”.

Al lavoro dei vari tavoli di confronto creati negli ultimi mesi per articolare il programma elettorale ha fatto riferimento Paola Daina, introducendo alcune tematiche che verranno poi approfondite nelle prossime settimane: scuola, occupazione, commercio, sicurezza, il tutto “seguendo un orizzonte politico preciso”. Prima del brindisi, sono intervenuti Annamaria Piccinelli che ha sottolineato come “solo nel programma delle liste in appoggio a Silla si possa leggere un impegno concreto verso le donne”, e Mario Daina, che non ha mancato di pungere Filippo Bongiovanni e le sue “conoscenze politiche ai piani alti”: “i problemi di Casalmaggiore si risolvono sul territorio, come fatto dall’amministrazione uscente che ha lavorato sfruttando le proprie forze”, è il messaggio dell’ex sindacalista.

Il dado è tratto: la campagna elettorale di Silla e delle liste che ne appoggiano la corsa è iniziata.

Simone Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti