Commenta

Breda Cisoni, furto
al cimitero: via borsetta
di una pensionata

carabinieri-auto-ev

SABBIONETA – Furto fulmineo con qualche particolare misterioso sul cimitero di Breda Cisoni. Il fatto è avvenuto nei giorni scorsi quando una anziana che stava cambiando i fiori sulla tomba è stata derubata del contenuto della borsetta. La donna, forse un po’ ingenuamente, nell’andare a prendere acqua per i fuori, appena fuori dal cancello, aveva lasciato la borsa appoggiata sul marmo della lapide dato che sarebbe ritornata quasi subito.

Nel rientrare però si è accorta che un uomo stava corrrendo e saltando la muraglia di recinzione con qualcosa in mano. Colta da presentimento e avvicinatasi alla borsetta ha subito notato che all’interno mancavano il portafoglio, le chiavi di casa e il telefonino. Ha quindi cacciato un urlo gridando “al ladro” ma purtroppo nessuno poteva far qualcosa per bloccare il malvivente che nel frattempo era fuggito a bordo di una macchina guidata da un complice.

La pensionata allora ha chiesto ad alcuni presenti che sembravano operai addetti alla manutenzione del cimitero se le prestavano il loro cellulare per chiamare i carabinieri. Ma questi, tergiversando parecchio, avrebbero risposto di non avere credito sufficente per effettuare la chiamata. A quel punto alla pensionata non è rimasto che salire sulla sua auto (le chiavi per fortuna non erano state rubate) e correre in banca per bloccare carte di credito e bancomat, prima di sporgere denuncia ai Carabinieri. Strada facendo alla signora però è venuto in mente di non avere mai visto prima quegli operai al cimitero, oltre a ricordarsi che per telefonare al 112 non c’era bisogno di credito: un comportamento decisamente strano. Forse complice?

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti