Commenta

“Amare era
il destino di
Giovanna Pellizzoni”

funerale-pellizzoni-ev

Nella foto, i funerali di Giovanna Pellizzoni

CASALMAGGIORE – “Per adesso resistiamo, poi vedremo questa sera cosa succederà”: queste le parole con cui Gianpietro Seghezzi rispondeva alle decine e decine di domande che la gente gli poneva per chiederli dello stato d’animo suo e dei suoi quattro figli. Il marito di Giovanna Pellizzoni, deceduta all’età di 50 per un male incurabile, ha accolto con un sorriso di gratitudine tutti coloro che hanno voluto portargli direttamente le condoglianze in una chiesa, a Vicobebllignano, straripante di gente. Una signora si è pure sentita male ed è stata portata in sagrestia per le cure del caso. Per consentire di seguire i funerali dell’imprenditrice casalese, due telecamere hanno ripreso l’intero rito trasmettendolo su un maxi schermo posizionato all’esterno della parrocchiale. Al dolore di Vicobellignano e Casalmaggiore si è unito quello di tanta gente arrivata da fuori comune dove la donna era conosciutissimo sia per il nome dell’azienda di famiglia “Ovopel” specializzata nel commercio di uova sia per il suo incredibile, intenso ed instancabile impegno sociale ed umano.

Al funerale hanno partecipato molti sacerdoti tra cui don Alberto Franzini mentre l’omelia è stata pronunciata da un compagno d’università di Giovanna, don Antonio Anastasio ex missionario e ora parroco a Milano Niguarda. “Quando entravo nella sua stanza d’ospedale lei mi diceva che ero lì per darle l’estrema unzione. Ma io le rispondevo di non pensarci suggerendole di vivere giorno dopo giorno”. “Amare era il destino di Giovanna, molto impegnata nell’aiuto alle famiglie sia in parrocchia che all’interno di associazioni specifiche – ha continuato il sacerdote che poi ha aggiunto l’esortazione – Gesù l’ha presa tra le sue braccia e noi dobbiamo lasciarla andare perché il giorno della sua morte rappresenta la sua nascita in cielo”.   L’intera cerimonia è stata accompagnata dal coro di Bonemerse con organo, strumenti a fiato e voce lirica. A conclusione della Messa anche don Giuseppe Nevi e don Alberto Franzini hanno voluto ricordare la figura della scomparsa ringraziando i famigliari per aver regalato alla comunità intera una figura di così alto e straordinario valore etico e morale.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti