Commenta

Ruba I-Phone
ad una casalese: fregato
dall’autoscatto?

iphone_ev

Nella foto un I-Phone nero come quello rubato alla giovane casalese

CASALMAGGIORE – Il tanto inflazionato termine “selfie” dovrebbe tradursi con “auto-scatto”. Ma mai come stavolta una licenza poetica è ammessa e potremmo parlare tranquillamente di “auto-fregatura”. Un caso curioso arriva da Casalmaggiore, dove una giovane, L. F., ha subito il furto del proprio I-Phone 4s, ma potrebbe avere qualche speranza di ritrovarlo proprio a causa della sbadataggine (o della mania di protagonismo) del presunto ladro.

La storia è presto ricostruita: L. F. giovedì sera si trova presso il Max Cafè di via Guidelli, a Reggio Emilia e qui subisce il furto del proprio oggetto elettronico, di colore nero con una custodia viola. Il furto avviene durante un’esibizione live (la ragazza è una cantante professionista) tra le ore 22 e le 23: prima delle 22 il cellulare è infatti al suo posto, dopo le ore 23 non si trova più.

In casi come questo la denuncia è un’extrema ratio che raramente può portare a risultati concreti, almeno nell’immediato. Ma il punto è che qualcuno dallo stesso I-Phone si scatta una foto, un selfie appunto. Quello che il giovane non sa (non pubblichiamo la foto incriminata per rispetto della privacy, ma ritrae un ragazzo che ad occhio ha tra i 20 e i 25 anni) è che l’I-Phone è sincronizzato con l’I-Pad di L. F. e dunque la ragazza riesce a visualizzare il famoso selfie.

Un indizio in più per i carabinieri di Casalmaggiore, che stanno indagando sulla vicenda, anche se va detto che non si può con certezza accusare il protagonista dello scatto: potrebbe trattarsi anche di un giovane che ha comprato l’I-Phone rubato in qualche giro di malaffare, ad esempio. Di certo, però, il volto raffigurato in quel selfie deve per forza di cose sapere qualcosa del fattaccio. Un dettaglio importante dal quale fare partire la ricerca: anche se Reggio Emilia è grande e indubbiamente il lavoro che attende i militari è comunque gravoso…

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti