Commenta

Quattrocase, ladri
scatenati: razziano tre
villette e bevono un thè

furto-quattrocase_ev

Nella foto l’ingresso della prima villetta da dove è partita la visita

QUATTROCASE (CASALMAGGIORE) – Ladri in pieno giorno a spasso (e purtroppo a segno) dentro tre abitazioni attigue, tutte appartenenti allo stesso nucleo famigliare. E’ accaduto domenica mattina nella frazione Quattrocase di Casalmaggiore. I ladri hanno agito muovendosi con calma e meticolosità e facendo passare tre abitazioni, una dopo l’altra: erano infatti a conoscenza del fatto che tutti i residenti erano assenti, dato che un passante ha notato che gli stessi avevano prima suonato il campanello, proprio per accertarsi di poter agire in tranquillità.

Non esagerato il bottino anche perché con questa epidemia di furti nessuno tiene più nulla di valore in casa. “Io sono uscita poco prima delle 11 per andare a pranzo da mia mamma” racconta Angela Aschieri, sfortunata protagonista dell’episodio “e da mio figlio non c’era nessuno perché si trova attualmente in vacanza in Grecia”. Chissà se i ladri erano a conoscenza anche di questi particolari, fatto sta che prima hanno suonato al campanello della signora Aschieri  e constatando che non si affacciava nessuno hanno deciso di agire rompendo il cancello e poi entrando in casa passando da una porta retrostante. Alcuni testimoni avrebbero visto un’auto che si allontanava, senza purtroppo riuscire a rilevarne la targa.

“In casa mia hanno trovato dei soldi (circa 1500 euro, ndr)” racconta Aschieri “senza però accorgersi di altri beni di valore, come computer e tablet  che avevano sotto gli occhi. Si sono però dissetati con il thè che hanno trovato nel frigor. Poi sono passati nella nostra seconda casa in fondo al cortile che usiamo d’estate anche per andare a friggere il pesce. Qui c’è pieno di salami e bottiglie di vino. Ci sono vari congelatori pieni di roba da mangiare che non hanno nemmeno aperto. Allora non è vero che queste gente agisce per  fame e in tal caso potrei anche sforzarmi di capire” commenta la signora.

Dopo le prime due abitazioni i ladri sono passati nella terza, quella del figlio in vacanza, varcando una porta comunicante che è stata Forzata. Qui i malviventi hanno puntato direttamente alla cassaforte aprendola con un flessibile. Dentro però non c’era nulla perché i soldi se li erano portati via i residenti per la crociera in Grecia. Quello che è strano è che a quell’ora nessuno dei vicini abbia sentito e visto nulla, nemmeno il rumore del flessibile, che tagliava la cassaforte. Quando nel pomeriggio Angela Aschieri è tornata a casa, si è ritrovata davanti al fatto compiuto con tutte le stanze che versavano in un disordine spaventoso a testimoniare il passaggio dei malviventi.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti