Un commento

Ospedale, tempi biblici
80 giorni per una
risonanza urgente

visita-ospedale_ev

Nella foto la prenotazione incriminata

VICOMOSCANO (CASALMAGGIORE) – Ottanta giorni per fare il giro del mondo, secondo l’originale scrittore Jules Verne che poi ispirò anche la realizzazione di film d’avventura dal medesimo titolo. E un’avventura, ai giorni nostri, sembra essere anche quella di un paziente casalasco che sta cercando di scoprire la causa di periodici giramenti di testa non certo piacevoli che lo tormentano con una certa frequenza.

Dal documento dell’impegnativa sottoscritta il 30 maggio scorso si legge infatti che gli esami richiesti saranno effettuati il 18 agosto prossimo. Appunto 80 giorni dopo, facendo sovvenire proprio un abbinamento con la famosa opera letteraria del fantasioso scrittore francese. La prenotazione, avvenuta come prassi direttamente ad uno sportello Cup dell’Azienda Istituti Ospitalieri di Cremona presso il Presidio Oglio Po di Casalmaggiore, reca come prima data utile il 18 agosto alle 9,15 per eseguire la prestazione di “risonanza magnetica dell’encefalo e controllo senza contrasto”.

Una persona con frequenti vertigini e sensazioni di vomito può restare due mesi e mezzo in attesa di sapere quali sono le cause di tale malessere, potenzialmente anche grave? Quello che poi fa sorridere è che la questione dei  ciclopici ritardi nell’erogazione dei servizi ambulatoriali, quando si incontrano i vertici aziendali, vengono quasi sempre smentiti, o ricondotti a tempistiche in regola con la media nazionale e dunque accettabili.

Non è tutto: da un contatto telefonico attraverso il numero verde della Regione Lombardia per informarsi se ci fosse stata la possibilità di anticipare la prenotazione (qualcuno avrebbe potuto disdire creando così un posto libero) la risposta dell’operatore è stata persino comica: “Se vuole spostare la data, signore, dobbiamo andare al 30 settembre”. Probabilmente non aveva capito che la richiesta era di anticipare e non di rimandare la visita. A meno che l’operatore dietro la cornetta non avesse voglia di fare dello spirito gratuito.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Ufficio Stampa Ao Cremona

    In merito all’articolo “Ospedale tempi biblici. 80 giorni per una risonanza” si desidera precisare che i tempi regionali di effettuazione delle risonanze magnetiche sono di 72 ore in caso di richiesta urgente (bollino verde), entro i 40 giorni in caso di primo accesso differibile (prestazione di prima diagnosi), entro 180 giorni in caso di prestazione programmata.

    E’ il medico curante a stabilire, riportandolo sulla prescrizione, a quale delle tre categorie si riferisce la prestazione.

    Nel caso in cui non venga specificata l’urgenza (bollino verde) o il primo accesso, l’esame può essere eseguito entro 180 giorni.

    Cogliamo l’occasione per ricordare che per qualsiasi necessità, chiarimenti e informazioni è possibile rivolgersi all’URP dove gli operatori sono disponibili dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 16 (telefono 0375 281552, e-mail
    urp.op@ospedale.cremona.it).