Commenta

Raid tra Calvatone
e Tornata in zona
industriale: furti e danni

pasetti-bozzolo_ev

Nella foto il capannone della ditta Pasetti, in zona industriale

TORNATA/CALVATONE – Dalle case agli uffici. Sembra avere mutato direzione l’obiettivo dei malviventi che dopo aver fatto passare parecchie abitazioni adesso si dirigono verso le aziende. Forse perché nelle case non trovano più niente, anche perché le famiglie non tengono più nulla di valore proprio per evitare trafugamenti.

Nella notte tra domenica e lunedì sono state tre le aziende visitate tra Tornata e Calvatone nell’area artigianale che sorge in fregio alla provinciale Bozzolo-Piadena. Il raid è iniziato presso l’autolavaggio Pelo Wash, le cui telecamere, poco dopo l’1 della notte, hanno registrato una parte dei movimenti ad opera dei malviventi. Nelle immagini si notano due personaggi travisati che, dopo aver forzato e prelevato il contenitore delle monetine che mette in azione l ‘impianto, si armano di un piccone e con quello si spostano nella vicina azienda di autotrasporti di Marco Zanichelli situato in viale Europa.

A questo punto i ladri, dopo aver rotto un cancello ed essere entrati nell’ufficio della ditta, hanno letteralmente demolito una parete in cartongesso, utilizzando lo stesso piccone rubato nell ‘autolavaggio. Grazie a questo disastro sono riusciti ad arrivare a mettere le mani sulla cassetta di sicurezza che però conteneva solo un migliaio di euro, tenuto come fondo cassa. All’interno effettivamente c’erano pure blocchetti d’assegni che ovviamente non sono stati toccati. Prelevata invece una scheda bancomat, subito bloccata in banca dai titolari.

Sconsolata la moglie di Marco Zanichelli, Monica, la quale spiega che sono piu i danni materiali di quelli relativi ai soldi rubati, ricordando di avere già subito un furto nei primi anni in cui l’azienda aveva cominciato ad operare. In quel caso fu un computer a sparire. “Quando all’1 dell’altra notte l’allarme e le telecamere sistemate a casa nostra hanno mostrato cosa stava accadendo nei pressi del nostro capannone, ci siamo portati sul posto attendendo i Carabinieri che sono arrivati velocemente da Torre dè Picenardi. Si è trattato più che altro di danni notevoli alla struttura perché adesso dovremo far arrivare un vetro nuovo, e sistemare altri elementi strutturali andati distrutti: in questo periodo di ferie non è semplice”.

La signora Monica ricorda che gli stessi ladri hanno tentato il colpo anche da Pasetti elaborazioni motori, sempre nella medesima zona artigianale  ma l’allarme in questo caso li ha fatti scappare senza che riuscissero a rubare nulla. Da Zanichelli, oltre alla cassaforte aperta con il contante asportato, è sparito anche uno dei cellulari degli autisti, un apparecchio obsoleto del valore di poche decine di euro.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti