Commenta

Di corsa e in bici
tra Torino e Venezia,
passando per l’Oglio Po

corsa-bici-tour-torino-venezia

CASALMAGGIORE – Si avvicinano la tappe nel comprensorio Oglio Po per il gruppo di podisti e ciclisti partiti da Torino con destinazione Venezia, nell’ambito del progetto ‘Tvb’, Treno a Bassa Velocità. Un’iniziativa a cui tutti possono aggregarsi, aderendo a un’idea di runners torinesi lanciata attraverso il blog http://trenoavelocitabassa.blogspot.it/ e nel vasto mondo degli amanti della mobilità dolce. Il gruppo è partito il 3 agosto da Torino e arriverà a Venezia il 23. Il 12 agosto è previsto lo sbarco in treno a Pizzighettone, dove ad attenderlo ci sarà il gruppo dei ciclisti cremonesi della Fiab, con il presidente Piercarlo Bortolotti. Quindi la comitiva correrà (o pedalerà) fino a Cremona e passerà la notte nella palestra della parrocchia di Cristo Re, gentilmente concessa. Non sono previsti incontri istituzionali. Da Cremona, il 13 agosto, partenza per la tappa successiva, Torre de’ Picenardi. Per Ferragosto previsto invece il pit-stop a Marcaria, sempre in territorio Oglio Po.

“La speranza – affermano gli organizzatori – è quella di essere in tanti per non passare inosservati, per far scoprire un territorio e per promuovere i mezzi di locomozione motoria nel rispetto dell’ambiente e delle regole del vivere civile. Correre per noi è – paradossalmente – l’essenza della lentezza, perché è un modo comunque lento di viaggiare. Correre non è semplicemente un atto fisico. Correre vuol dire muoversi, spostarsi, percorrere distanze e addentrarsi in un territorio, anche psicologico. Quando si corre si percorre uno spazio, una strada, un pensiero e si misura una distanza o un limite. Correre è un atto che si pratica dentro: dentro un tracciato e dentro di sé”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti