Commenta

Bozzolo, terribili
vandalismi al cimitero:
fuoco e danni alle lapidi

torchio-cimitero-vandali_ev

Nella foto il sindaco Torchio durante il sopralluogo al cimitero danneggiato

BOZZOLO – Un vandalismo senza precedenti ha creato parecchi danni la notte scorsa al cimitero di Bozzolo. Questa volta non sono stati presi di mira né i canali e neppure le grondaie di rame, spesso e volentieri oggetto di furti negli ultimi mesi. Gli inqualificabili personaggi se la sono invece presa con alcune lapidi, spaccandone gli accessori come crocifissi e vasi e arrivando addirittura a incendiare le tende messe per proteggere i forni dal sole.

Uno spettacolo impressionante e indecente quello che si è presentato martedì mattina ai primi frequentatori del camposanto, rimasti senza parole davanti ad uno scempio del genere. La zona dove hanno agito i malviventi è quella sulla sinistra per chi entra nel cimitero che adesso si presenta circondata dalle fettuccine bianche e rosse posizionate dai Carabinieri. Dapprima i soliti ignoti hanno spaccato alcuni accessori sulle tombe incontrate sul loro cammino. Poi se la sono presa con il coperchio di una tomba alzandolo e spostandolo leggermente.

Ma il repertorio della triste impresa doveva essere ancora completato: i vandali hanno deciso di incendiare alcuni dei tendaggi verdi che dal soffitto scendono sino a terra. Le fiamme oltre ad avere facile presa sul tessuto di cotone ha pure intaccato le colonne e una parte del muro sovrastante, provocando danni che dovranno essere sistemati per ridare stabilità alla struttura. Tre i punti distinti, dove è stato appiccato il fuoco con le tracce più evidenti per terra e davanti ai loculi a muro della famiglia Compagnoni. Oltre al tendaggio completamente divorato dal fuoco, al suolo sono rimaste visibili e abbondanti tracce di bruciatura e plastica fusa a causa del calore.

Sconsolato il sindaco di Bozzolo Giuseppe Torchio dopo il sopralluogo effettuato martedì pomeriggio, dopo aver firmato la denuncia contro ignoti davanti ai Carabinieri. Nessun sospetto per il momento che possa portare qualche indizio allo scopo di individuare i responsabili anche se il sindaco ha espresso l’amara a considerazione “che non si può dare il lavoro a tutti quelli che lo vanno a chiedere”, lasciando intendere che questi atti vandalici possono essere stati la vendetta di qualche sconsiderato. Questo misterioso atto vandalico potrebbe dunque essere stato compiuto probabilmente da qualcuno che non ha visto soddisfatte le sue richieste.

Un gesto sconclusionato, portato a segno in maniera del tutto generica senza un obiettivo preciso se non quello di scatenare e dare libero sfogo alla propria rabbia nei confronti di persone sepolte in un cimitero, per di più di notte scavalcando il cancello. “Siamo coperti da assicurazione e i danni verranno riparati senza problemi. Dobbiamo però constatare che purtroppo la madre dei cretini è sempre incinta” si è lasciato andare Torchio citando un vecchio proverbio purtroppo sempre di moda.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti