Commenta

Festa del Turbante,
Croce Rossa e Marò
nel cuore dei Sikh

festa-sikh_ev

Nella foto un momento di una recente Festa del Turbante europea

CASALMAGGIORE – Si avvicina a grandi passi l’evento della comunità Sikh a livello europeo della Festa del turbante, che nell’intera giornata di domenica mira a portare a Casalmaggiore, presso il parco Bodana Bastoni, ben 3mila indiani di etnia Sikh da tutta Europa. Dopo il segnale distensivo arrivato dalla comunità con l’annuncio della raccolta firme a favore della liberazione dei Marò italiani ancora bloccati in India tra pasticci diplomatici e una giustizia dai tempi biblici, i Sikh fanno un ulteriore passo verso la comunità casalese, e italiana in generale, spiegando che il ricavato della Festa del Turbante sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana, che proprio a Casalmaggiore peraltro ha festeggiato le sue Olimpiadi salvavita regionali.

La comunità Sikh, molto numerosa nel Casalasco e in tutta la provincia Cremonese, ha invitato il Prefetto e il Questore di Cremona, i comandanti provinciali dei Carabinieri, la Guardia di Finanza, i Vigili del Fuoco, i direttori di ospedali di Cremona e Casalmaggiore, oltre al personale dell’Asl, degli Istituti Scolastici di tutta la provincia, soprattutto quelli che ospitano, tra gli studenti, ragazzi indiani. Ma l’invito è stato esteso anche ai sindaci dei Casalaschi e delle zone, anche provinciali, limitrofe. Non solo: un invitato clou, che ha già garantito la sua presenza, sarà l’ambasciatore indiano a Roma, oltre a tre importantissimi esponenti politici e religiosi Sikh in arrivo da New Delhi dalla Sikh Gurdwara Menagement Commitèe (uno dei tre è esponente del Parlamento Indiano). Con loro un ex dirigente della Fiat di Torino, di origine indiana, e anche l’amico personale di Sonia Gandhi, Avtar Singh Rana, che è stato anche vicesindaco della città di Orbassano, il console britannico e il console Usa di Milano (anche se questi ultimi due devono ancora confermare la presenza). L’evento, come noto, sarà trasmesso in diretta europea su Sikh Channel, nelle varie sedi di Londra, Dublino, Toronto e nel Punjab indiano.

Sin qui le novità logistiche: dopo di che la comunità Sikh spiega che il ricavato della manifestazione andrà appunto alla Croce Rossa Italiana, per la precisione al Comitato di Casalmaggiore, con la quale già da tempo è stato intessuto un rapporto di stima e amicizia. Nel 2013, infatti, la Cri di Casalmaggiore ha effettuato presso la comunità indiana prevenzione medica e cardiologica, ma ha anche organizzato lezioni di sicurezza stradale, disotruzione pediatrica e primo soccorso. Non solo, Croce Rossa seguirà anche la Festa del Turbante. Inoltre all’ambasciatore indiano che sarà presente a Casalmaggiore verrà consegnata, come già era stato annunciato, la raccolta firme per chiedere la liberazione dei due fucilieri italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, perché, dicono i Sikh, “il comportamento indiano nelle assurde lungaggini burocratiche sta violando tutti i diritti fondamentali di giustizia e umanità”. Per questo a Casalmaggiore è anche stata invitata la comunità Sikh di Brescia, che nei mesi scorsi si è resa protagonista di una protesta clamorosa, con cortei e opere di volantinaggio a favore dei Marò.

Tornando al programma dell’evento, viene annunciata la presenza anche di Avis Casalmaggiore, per sensibilizzare giovani indiani sull’importanza di donare sangue, così come non mancheranno interpreti che aiuteranno i partecipanti di lingua italiana a conoscere la cultura indiana, mentre sarà possibile, per i più piccoli, usufruire di uno spazio giochi con i gonfiabili. Chi vorrà potrà inoltre scattarsi una foto ricordo grazie al box istantaneo approntato da FotoRastelli. Ma l’invito dei Sikh non si ferma, ed è rivolto pure ai commercianti del Casalasco. Per informazioni è possibile contattare i numeri 328-0561467 oppure 329-2783620. I Sikh di Casalmaggiore si augurano che la Festa del Turbante possa essere “un punto di incontro e scambio interculturale e interreligioso di carattere europeo, ispirato ai valori della pace”.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti