Commenta

Casalmaggiore ‘in scena’
per il Kenya: show
benefico a teatro

kenya-casalmaggiore-ev

Nella foto, un progetto realizzato da Cremona for Kenya Onlus

CASALMAGGIORE – Il comune di Casalmaggiore in campo per la solidarietà. L’evento in questione, patrocinato proprio dall’amministrazione casalese, è stato approvato da una delle ultime riunioni di giunta e prevede, per sabato 4 ottobre presso il teatro comunale, uno spettacolo il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza. A organizzare lo show è l’associazione “Cremona for Kenya Onlus”, presieduta da Licio D’Avossa, che dal 1995 è una delle più importanti Onlus italiane che si occupa dell’interazione sociale con il Kenya e ha sede presso le Acli provinciale di Cremona. Tra le tante iniziative si ricorda anche la realizzazione del progetto Scuola Convitto di Gategi nel distretto di Karaba, che offre a 200 studentesse del posto la possibilità di soggiornare e soprattutto di studiare: una struttura gestita interamente dai missioni italiani della Consolata. E ancora la costruzione di un grande refettorio con annessi alloggi per ospitare 400 alunni di Mambrui. Ma sono queste solo alcune delle tante iniziative messe in campo in quasi vent’anni di attività (la cifra tonda verrà festeggiata nel 2015).

Lo spettacolo di sabato, dal titolo “Napoli mon amour” vedrà l’esibizione del D’AvTrio, composto dalla soprano Mimma D’Avossa e dalle chitarre classiche di Corrado Braga e Lino Binda. Lo spettacolo, che inizierà alle ore 21 e il cui biglietto d’ingresso costa 5 euro (poi devoluti in beneficenza all’associazione), preveda musica napoletana con l’accompagnamento di Haydn, Tosto, Donizetti, Di Capua, Satie, Bruni, Gounod, D’Esposito, Lama, Rossini, Costa, Dyens e Mattone. Tra i pezzi più attesi, senza dubbio, “Canzonetta de Concert”, “Napoli e Parigi”, “‘A Frangesa”, “Reginella” e “‘A città e’ pulcinella”: insomma, grandi pezzi della tradizione napoletana, con intarsi operistici, per una finalità assolutamente meritevole.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti