Commenta

Calcio Oglio Po,
scontri al vertice in
Seconda mantovana

calcio_ev

Tutte alla pari, dopo i recuperi di mercoledì sera (o meglio, i turni infrasettimanali già previsti in calendario) in Emilia Romagna: le squadre dell’Oglio Po giocano quest’oggi la sesta giornata, lasciandosi così alle spalle, al 90′, il primo quinto del percorso in campionato. Vediamo il programma squadra per squadra.

La Casalese si è subito fermata dopo l’illusorio punto ottenuto contro il Borgo San Donnino: non segna, la squadra di Marco Mantovani, ferma al misero gol siglato all’esordio e sconfitta quattro volte su cinque. L’ultima in casa, mercoledì sera, contro la Bobbiese. Per evitare una discesa infinita, tocca fare punti in casa del Madregolo Tonnotto, squadra dal nome indubbiamente curioso e pressoché sconosciuta, che però ha quattro punti, piglia tanti gol (terza peggior difesa) e dunque potrebbe concedere qualcosa.

Diversa la situazione del Viadana, sempre in Prima ma nel girone C: la squadra di Angelo Boni ha stroncato la resistenza del Guastalla vincendo il primo derby al terzo tentativo nel turno infrasettimanale. Ora ha un’occasione d’oro per agganciare il treno playoff: deve vincere, la formazione gialloblù, in casa della Campeginese, ultima a zero punti e con la peggior difesa. Sarebbe davvero un peccato non sfruttare questa occasione per entrare nelle prime cinque.

Passiamo come di consueto a osservare il programma lombardo: apre in Prima categoria G il Psg, che in casa ospita il Gonzaga in quello che può già definirsi uno scontro diretto. Non soltanto perché le due squadre distano un solo punto in classifica (blaugrana avanti), ma soprattutto perché sia i casalaschi che i mantovani intendono ottenere una salvezza tranquilla e magari provare un piccolo miracolo in ottica alta classifica: chi vince oggi prende parecchia fiducia.

In Seconda categoria girone N tra Suzzara e Dosolo si giocano due super match: il Pomponesco capolista va in casa dell’Iveco, formazione attardata da due sconfitte ma potenzialmente una delle rose più forti dell’intera categoria. E’ un test più che probante contro il miglior attacco (13 reti) e contro un team che deve recuperare il terreno perduto. Ma in un’alta classifica dove ogni formazione è ad un’incollatura dall’altra (4 punti dalla prima alla sesta), risulta interessante anche la sfida interna della Polisportiva Futura contro il Sarginesco, che è ripartito dalla Seconda dopo la crisi estiva ma che fino all’anno scorso giocava in Promozione, e non ha comunque cambiato l’ossatura (dato che basta per comprendere la forza della vicecapolista attuale).

Una sfida di spessore attende, nel girone I, anche il Gussola, ospite del Pieve 010, partito fortissimo e ora al terzo posto dietro soltanto a un Sesto 2010 finalmente continuo e ad un’Acquanegra che promette di fare un campionato a se stante, dopo essersi “allenato” nel durissimo girone mantovano. Più semplici, ma non scontati, gli impegni di Rivarolo e Martelli: in particolare i biancoverdi ospitano lo Spinadesco, che dopo la salvezza tribolata dello scorso anno, ora ambisce ai playoff nonostante la corsa non sia stata sempre irreprensibile. La Martelli, invece, contro una Marini penultima e mai vittoriosa (2 pari, 3 ko) non può sbagliare anche per dimenticare la prima sconfitta subita domenica scorsa dalla capolista.

Reduce da quattro sconfitte consecutive (e da cinque rigori contro in altrettante partite), la Cannetese va in casa della Ceresarese per una sfida tra “poveri”: 3 punti i rossoblù in trasferta, appena 2 i locali. Potrà essere l’occasione giusta per sbloccarsi e respirare un po’ di buona aria di centro classifica? Perdere ancora significherebbe restare ancora una volta nell’anonimato.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti