Commenta

Il Comune corteggia
la Lidl: sul tavolo
l’attesa rotatoria

lidl-ev

Nella foto (Google Maps), l’area del Lidl

CASALMAGGIORE – La Lidl può davvero tornare a Casalmaggiore? In mezzo ad un bailamme di voci e supposizioni, possiamo dire che qualcosa di vero c’è. O, per lo meno, per dirla con Vanni Leoni, vicesindaco che conferma la vicenda, “la partita non è ancora chiusa”. Nelle scorse settimane si sono susseguite sul piazzale del capannone che fino al maggio scorso ha ospitato la Lidl, poi trasferitasi, ampliando il punto vendita già esistente, nella vicina Colorno, le presenze di tecnici che hanno operato sopralluoghi, studiato lo spiazzo, probabilmente anche preso misure. Di sicuro osservato quell’ampio parcheggio antistante il capannone, ora come ora abbandonato. Come noto, e come avevamo avuto modo di scrivere qualche settimana fa, il ritorno della Lidl rischia di essere strettamente connesso ad una opportunità viabilistica che consentirebbe di sradicare lo “scomodo” semaforo dell’Asolana e di realizzare una rotonda assai meglio fruibile dall’intenso traffico sull’arteria viaria più frequentata di Casalmaggiore, che arriva a tagliare in due il centro abitato.

Non è dunque un caso che a confermare la trattativa sia proprio Leoni, che è anche assessore alla Viabilità. “Giochiamo a carte scoperte: posso dirvi che c’è stato un incontro in comune nei giorni scorsi” rivela “nel corso del quale si è parlato della possibilità di riqualificare la zona anche dal punto di vista viabilistico e della sicurezza urbanistica. Attualmente il ritorno della Lidl non è scontato, anzi è difficile, perché nel progetto dei vertici del discount vi è la possibilità di ampliare, arrivando ad occupare anche il capannone appena lasciato libera dal concessionario Renault appena trasferitosi. Vi sono al momento problemi di spazio e di metratura: non si è escluso di risistemare l’edificio anche con operazioni drastiche ed eventuali demolizioni. Insomma, la strada è veramente lunghissima, ma la partita non è chiusa”. Confermato, in ogni caso, l’impegno da ambo le parti per una riqualificazione anche viaria e della sede stradale. “Il tema della rotonda è stato presentato” spiega Leoni “e ne abbiamo ampiamente discusso: è un vantaggio per il comune e per il traffico che passa sull’Asolana, così come per la Lidl stessa, che farebbe un investimento in parte a sue spese per avere un ritorno di clienti e per fare un passo avanti anche dal punto di vista commerciale. Al momento tuttavia è prematuro dire con certezza se si farà. Ne stiamo parlando: prima occorrerebbe l’acquisizione dell’area e la Lidl sta cercando una soluzione che porti ad un discount più ampio, con forneria e pescheria, come era nelle intenzioni di qualche mese fa”.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti