Commenta

Davide Giacalone,
uno ‘scacciapensieri’
al Rotary

giacalone-rotary-ev

Nella foto, il tavolo presidenziale della serata

CASALMAGGIORE – Due piccioni con una fava. Doppio l’argomento trattato lunedì sera nella consueta conviviale del lunedi del Rotary Club Casalmaggiore, Viadana, Sabbioneta organizzata al ristorante Bifi di Casalmaggiore. L’ospite della serata, il giornalista Davide Giacalone, con passato presso le segreterie di vari personaggi politici di fama, ha prima dissertato di economia e finanza, concludendo alla fine con il ragionamento sugli organismi geneticamente modificati ingeriti da ogni persona che mangiando carne: gli animali da allevamento se ne nutrono in abbondanza. Per poi scivolare sull’argomento delle coppie gay e dei diritti da loro pretesi. Tali osservazioni purtroppo non rappresentano le uniche contraddizioni di questa nostra Italia che soffre di senso d’inferiorità rispetto ad altri Paesi europei nei confronti dei quali ha migliori condizioni economiche. In questa direzione va appunto il libro “Senza paura” scritto da Giacalone, che collabora col quotidiano Libero e mantiene una rubrica fissa su Rtl, proprio per spiegare le cifre attraverso le quali si evince che pur di fronte ad un deficit nazionale sempre più crescente, la nostra nazione ha mantenuto un rapporto meno drammatico rispetto alle analisi diffuse. Smentendo in tal modo i timori diffusi dimostrandone in larga parte l’infondatezza.

Il relatore ha quindi fornito una spiegazione delle problematiche che, a suo parere, affliggono l’Italia e che si possono riassumere principalmente nel fatto che ci siano troppe poche persone che lavorano per mantenere una popolazione  numericamente assai superiore. In più vi è la cronica dipendenza dalla Germania con l’incapacità di sfuggire a questo tipo di sudditanza piegandosi, a dire di Giacalone, ai voleri della cancelliera Merkel. Davide Giacalone ha infine parlato del condizionamento della popolazione italiana, sottolineando come tutti conoscessero perfettamente Vito Corleone e nessuno Amedeo Peter Giannini nostante quest’ultimo fosse stato il fondatore nientemeno che di Bank of America il più grande istituto di credito al mondo. Restando sull’argomento mafia, Giacalone, con il suo imperdibile accento marsalese, ha raccontato di aver portato in regalo ai cinesi, durante uno dei suoi frequenti viaggi di lavoro a Pechino, una valigia di scacciapensieri, il tipico strumento siculo. Alla fine della conviviale il presidente rotariano Pietro Sganzerla ha insignito il socio Giuseppe Matera della prestigiosa onorificenza Paul Harris. Al tavolo della presidenza era seduto anche Michelangelo Martelli di Dosolo eletto presidente del Round Table di Mantova.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti