Commenta

La Stu vende
100mila metri di terreno
ma evita le polemiche

culpo-stu_ev

Nella foto Culpo, Scalari e Gavetti

VIADANA – Il Comune di Viadana mette a disposizione degli investitori 100mila metri quadrati di terreno. La vendita avviene attraverso la Stu, la società della quale è socio al cento per cento e il cui consiglio d’Amministrazione, pur scaduto, è stato riconfermato su richiesta del commissario prefettizio Isabella Alberti.

Il bando di partecipazione è attivo da questo momento e durerà per trenta giorni. Una grossa opportunità di acquistare porzioni di terreno in gran parte industriale, ma anche commerciale e misto, ad un prezzo decisamente favorevole. Dagli originali 88 euro al metro per il terreno commerciale, dai 69 euro per quello produttivo e dai 40 euro per le porzioni più economiche (quindi non completamente libere perché a ridosso di strutture vincolanti) si potrà infatti ottenere uno sconto compreso tra il dieci, quindici e il venti per cento a seconda della quantità di terreno che si intende acquistare.

La notizia è stata data in Municipio direttamente dalla presidente della Stu Lidia Culpo, che aveva al suo fianco il vice Attilio Scalari e il consigliere Oreste Gavetti. Una scelta dettata evidentemente da ragioni di bilancio, assecondata dalle banche anche per cercare di sgonfiare l’indebitamento che attualmente ammonta a 4 milioni di euro: una cifra considerevole ma comunque  accettabile se raffrontata al capitale ammontante a 6 milioni di euro. “Pur applicando questi sconti” ha precisato Lidia Culpo “ci teniamo a sottolineare che non stiamo svendendo nulla e il ricavato ci servirà a introdurre liquidità nella società. Soprattutto per evitare che gli interessi passivi erodano costantemente e sempre di più la marginalità”.

Durante l’illustrazione dell’iniziativa è stata evitato qualsiasi riferimento alla precedente gestione della Stu che pure aveva provocato durissimi scontri tra il sindaco Giorgio Penazzi e l’allora presidente Silvio Perteghella, sino alla decisione di destituirlo. “La nostra scelta è quella di non sollevare polemiche né riferimenti col passato. Il commissario ci ha chiesto di operare sino al termine del suo mandato e noi abbiamo accettato senza che nessuno di noi percepisca un compenso. Non abbiamo una sede, non abbiamo utenze da pagare e facciamo tutto questo nell’interesse dei cittadini di Viadana” hanno confidato i componenti del cda della Stu, precisando anche che i terreni, essendo tutti completamente urbanizzati, potrebbero essere a disposizione degli acquirenti entro 40 giorni dalla registrazione del rogito. Sottolineata anche la vantaggiosa posizione dei lotti grazie alla vicinanza con la gronda nord, la Cispadana e l’Autostrada del Sole raggiungibile attraverso il casello di Campegine-Terre di Canossa.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti