Commenta

Pavesi e la grande
coalizione a Viadana?
Da M5S un secco no

m5s-viadana_ev

VIADANA – La scelta di Giovanni Pavesi, sindaco per due mandati prima di Giorgio Penazzi, di tornare in campo per favorire una grande coalizione sulla scorta di quanto accaduto in Germania e pure in Italia (decisione peraltro nell’aria da mesi, come testimonia il link a fondo pagina), non è piaciuta a Viadana al Movimento 5 Stelle, che comunica la sua disapprovazione, affidando il pensiero a un comunicato.

“Il Gruppo di lavoro Viadana 5 Stelle” si legge “ritiene che la discesa in campo di Pavesi non sia per niente una sorpresa, anzi fa parte di un progetto di conservazione di potere e continuità amministrativa, che ha portato alla situazione critica del territorio viadanese che tutti conosciamo. L’unica differenza è nelle forma: dove prima gli accordi politici erano silenziosi, oggi, di fronte ad una crescente voglia di cambiamento dei cittadini, si denota la volontà di creare alla luce del sole grandi coalizioni trasversali sotto la bandiera della “responsabilità”, ma che ancora una volta hanno il sapore di “inciucio” allo scopo di salvaguardare i privilegi di pochi.

“Ci chiediamo” aggiungono i pentastellati “come sia possibile il richiamo ad “una alleanza dei responsabili”, da chi ha dimostrato la propria irresponsabilità durante i precedenti governi di centrosinistra che hanno svuotato di ogni servizio Viadana e le sue frazioni, contribuendo a rendere il Comune un “dormitorio” per cittadini e non una comunità attiva come merita di tornare ad essere. Rimaniamo convinti delle nostre idee che continueremo a perseguire, e sempre più riteniamo che le prossime elezioni comunali saranno un momento decisivo di scelta per i cittadini, fra chi vuole riproposi con nuove vesti ma di fatto rappresenta il fallimento politico dell’ultimo decennio, e chi vuole una svolta radicale partendo da un taglio netto col passato e dalla partecipazione dei cittadini, con competenza, concretezza, condivisione e trasparenza”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti