Commenta

Nella fiera tradizionale
spicca la novità della
mensa di San Martino

san-martino-argine_ev

Foto e testo dal sito della Diocesi di Cremona

SAN MARTINO DALL’ARGINE – E’ una delle più antiche e frequentate fiere della zona che lega, sapientemente, il patrono del paese a quello della Diocesi. Da oltre 500 anni la fiera di San Martino e Sant’Omobono anima dal punto di vista culturale, spirituale e aggregativo il comune di San Martino Dall’Argine, grazie anche alla preziosa sinergia tra amministrazione comunale, parrocchia e le realtà associative operanti sul territorio. “Quest’anno – spiega il sindaco Alessio Renoldi – tra gli eventi celebrativi spicca una iniziativa nuova, ma di grande valore: la “mensa di San Martino”. Si tratta di un pranzo tradizionale, sobrio e aperto a tutti che si terrà in piazza Matteotti domenica 9 novembre a partire dalle ore 12″.

“Funzionerà – continua il primo cittadino – come una vera e propria mensa, dove con il proprio vassoio ci si metterà in fila e si prenderà quello che viene offerto dalle associazioni e dalle attività locali. Ognuno potrà lasciare, con molta libertà, una propria offerta”. E così prosegue: “È un’iniziativa voluta per valorizzare il famoso gesto, rimasto impresso nella storia: il taglio del mantello per il mendicante da parte di San Martino di Tours che conferisce il nome al nostro paese. Con questo momento di ritrovo, la nostra comunità vuole emulare quel gesto di solidarietà, con i suoi volontari, con le associazioni e con le attività locali. Il ricavato sarà interamente devoluto ad enti di carità”.

In caso di pioggia, l’evento si svolgerà comunque, all’interno del gazebo coperto e riscaldato e i prodotti rimanenti saranno devoluti alle persone bisognose. “In un momento come quello che viviamo oggi – conclude Renoldi -, crediamo che la solidarietà debba avere un significato vero, tangibile. E le attività e le associazioni del paese l’hanno voluta esprimere così”. Nel ricco calendario celebrativo spiccano altri appuntamenti importanti: sabato 8 alle 18 nella Chiesa Castello sarà presentato il ciclo degli affreschi restaurati dell’abside. Oltre al primo cittadino interverranno Marcella Luzzara, storica dell’Arte ed Elena Froldi Paganini, coordinatore del distretto “Le Regge dei Gonzaga”.

Domenica 9, alle 10.30 – prima della mensa di San Martino – la celebrazione eucaristica nella chiesa Castello. E sempre in questo luogo, alle 21, si terrà un concerto di musica jazz con il quartetto Sunny Quartet. Giovedì 13 novembre, solennità di Sant’Omobono, alle 15, nell’oratorio di Santa Maria delle Grazie (chiesa del Vegro) la Santa Messa in onore del patrono della diocesi.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti