2 Commenti

Emergenza in riva
al Po, ma il commissario
Alberti è a Roma

comune-viadana_ev

Nella foto, il municipio di Viadana

VIADANA – Ancora polemiche contro il Commissario prefettizio Isabella Alberti assente da Viadana in una situazione d’emergenza nazionale come  quella che la piena del Po sta provocando. Lunedì, alla riunione in Prefettura a Mantova, in mezzo a tanti sindaci del territorio mancava proprio lei, trattenuta a Roma, dove risiede. Il comune di Viadana era rappresentato solamente dall’ingegner Giuseppe Sanfelici e dalla comandante della Polizia locale Doriana Rossi. L’assenza di un soggetto istituzionale di alto grado qual è un sindaco, o chi lo sostituisce, secondo molti sarebbe alla base di una decisione che ha inviperito operatori economici, commerciali e pendolari penalizzati per  la chiusura del ponte tra Viadana e Boretto. Decisione presa dalla provincia di Reggio che però ha tenuto aperto l’altro ponte quello che da Guastalla porta a Dosolo e Pomponesco i cui sindaci evidentemente sono riusciti ad evitare un simile disagio per i propri cittadini. Se l’Alberti avesse partecipato alla riunione, si chiedono in molti, forse il ponte di Viadana avrebbe potuto evitare di soccombere alla decisione emiliana che ostacoli e problemi crea all’economia di  tutto il viadanese la cui viabilità non vive certo un’epoca felice .

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Paola Rossi

    signor Rosario Pisani, ma lei è un giornalista? ma come si fa a scrivere “stà” e qual’è” (con l’apostrofo)? e non mi dica che la lingua italiana conta meno delle notizie che vengono date, perché è offensivo da parte di chi scrive su un quotidiano, anche se è online.

    • Paola Rossi

      rispettivamente, “stà” con uno spaventoso accento e “qual’è” con un inutile apostrofo. complimenti