Commenta

L’Eridano Adventure
raddoppia e questa volta
aprirà il Trofeo Agisko

eridano_ev

Nella foto un momento dell’edizione 2014

CASALMAGGIORE – L’Eridano Adventure concede il bis. E questa volta lo fa da vero numero uno: nel senso che la gara off road organizzata a Casalmaggiore e Martignana di Po (e che toccherà anche Gussola), oltre ad essere nuovamente inserita nel Trofeo Agisko, che riunisce come ogni anno varie tappe che andranno poi a comporre la classifica finale, avrà anche l’onore di aprire tale manifestazione.

L’evento, programmato per marzo 2015, dunque leggermente più in ritardo rispetto alla prima edizione, viene etichettata dal suo organizzatore Andrea Visioli, il quale tra qualche giorno ritirerà la Palma al Merito Tecnico Coni, come una “rinascita della golena”. “Abbiamo passato la piena” spiega Visioli “ora abbiamo limo e fango anche nei luoghi che abitualmente frequentiamo d’estate, con la bella stagione o anche d’autunno e inverno per i veri cultori. Diciamo che l’arrivo di Eridano sarà un’ideale momento in cui ci riapproprieremo della natura in riva al Po, mediante una competizione sportiva”.

Visto il successo dell’anno scorso (con 260 partecipanti, numero notevole per una prima edizione) e le grandi richieste che continuano a pervenire agli organizzatori, concedere il bis è venuto naturale. “La gara sperimentale off road” spiega sempre Visioli “in alternativa alle tante marce su strada ed asfalto ha riscosso commenti entusiastici ed è ancora vivissimo il ricordo nei tanti atleti. Non solo, ma molti sono i curiosi che ci scrivono per capire quale sarà il percorso del 2015, dando per scontata la riproposizione dell’evento”.

Una sorta di “grande richiesta” da parte di chi è abituato a correre all’aria aperta, tra i boschi e negli scenari più suggestivi della nostra campagna. Come è appunto quello del Po a Casalmaggiore e in generale nella golena casalasca. “Frequentando i campi di gara per tutto il 2014” rivela Visioli “gli atleti ci hanno spronato continuamente, per cui direi che quello che era nato come un esperimento del primo Trail di pianura è andato magnificamente bene; forse proprio per le condizioni atmosferiche in cui si era corso, con il fascino del Fiume che mentre esondava lambiva letteralmente i piedi dei podisti. La gara dunque affascina, per il carattere promozionale e propedeutico alla corsa nella Natura. Dunque ci siamo confrontati con gli organizzatori dell’intero Circuito Agisko e abbiamo avuto l’ok”.

Per questo venerdì 28 novembre Eridano sarà presente nella grande festa di premiazioni nella splendida Rocca di Sala Baganza per la serata dedicata alle premiazioni del Trofeo Agisko 2014, in compagnia di grandi ospiti. La stagione 2015 è già impostata e potrebbe emergere, in quel contesto, anche il programma, almeno parziale, del Trofeo: di certo e ufficiale per ora vi è l’entrata di un nuovo partner, il marchio Scott, realtà specializzata in materiali e marketing sportivo. Si dovrà dunque parlare per la precisione di Trofeo Agisko by Scott – Appennino Trail Cup: l’altra novità sicura è che, come detto, l’Eridano Adventure sarà proprio la gara di apertura del Trofeo, con il suo carattere iniziatico per avvicinare e svelare la passione per la corsa off road.

Un premio per chi ha portato 260 persone, tra cui un mito dell’off road come Marco Olmo, all’evento in golena. A proposito di “luoghi di Po”, resta da definire nel dettaglio il percorso, ma su partenza e arrivo Visioli e gli organizzatori hanno voluto andare sul sicuro: “I particolari sono ancora ben da definire, visionando le condizioni in cui il Grande Fiume che si sta ritirando lascerà la golena. Quello di cui siamo certi è la partenza e l’arrivo da Casalmaggiore, creando spettacolo in piazza Garibaldi, che scenograficamente si presta molto bene all’abbondanza di materiali, archi gonfiabili e striscionaggi che ci verranno forniti dai supporter. Il primo chilometro sarà tracciato per le vie storiche della cittadina, in omaggio alla vocazione fluviale che la caratterizza. Dopo di che la golena la farà da protagonista: l’intento è di portare gli atleti alla scoperta dell’isola di Maria Luigia, ma ovviamente non saremo noi ad adattarci a sua Maestà il Po che detterà le regole del gioco”.

La piazza, con il suo sapore centrale di socialità e architetture affascinanti, e la golena, con l’isolotto da vivere e riscoprire, anche solo come tappa intermedia. E poi un coinvolgimento completo di tutto il Casalasco. “Vista la lunghezza della gara di 20 km” spiega Visioli “toccheremo il territorio di Martignana (già toccato lo scorso anno, ndr) e Gussola (una new entry, ndr), tra pioppeti, arginetti comprensoriali e di cinta, con il bel passaggio fotografico alla chiesa di Santa Maria, baluardo di speranza a tutte le piene storiche. Manterremo poi un tracciato più breve di 9 km per la moltitudine dei podisti che coglieranno l’occasione di una uscita in compagnia senza velleità di classifica, lungo le penombre della via degli olmi”. Due percorsi, insomma, uno per esperti e agonisti, che parteciperanno al vero e proprio Trofeo Agisko, di 20 km, l’altro di 9 km aperto a tutti, anche se ovviamente non dovrà mancare l’allenamento per completare l’impresa.

La gara assegnerà il Titolo di Campione Provinciale cremonese di Trail, istituito in prova unica per l’occasione, con categorie per età che saranno meglio specificate in futuro. Non solo: i vincitori, grazie anche al contributo di alcune ditte locali, avranno come omaggio un viaggio. Destinazione? Ancora da definire, ma intanto Eridano c’è, anzi ritorna, e questa è già una positiva certezza…

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti