Commenta

Tragedia davanti
al Famila: muore
Annamaria Benasi

mortale-benasi_ev

Nella foto il luogo del sinistro mortale e Annamaria Benasi, la vittima

CASALMAGGIORE – Era appena uscita dal Famila, quando a bordo della sua bicicletta ha attraversato la strada Asolana, nel tratto casalese di via Beduschi, per raggiungere la ciclabile. Ma su quella ciclabile non è mai arrivata, travolta da un camion Volvo condotto da un 44enne di Commessaggio, S. G.. Una donna di Casalmaggiore classe 1933, Annamaria Benasi in Biffi, è finita sotto le ruote del camion ed è morta sul colpo. Il fatto è accaduto attorno alle 10.30 di mercoledì.

Sul posto i sanitari della Padana Soccorso, che erano appena intervenuti pochi metri più indietro rispetto alla strada Asolana per un tamponamento, e anche gli agenti della Polizia Locale, che stavano ancora effettuando i rilievi sul primo incidente, meno grave. Una testimone oculare ha spiegato che la ciclista avrebbe attraversato la strada non sulle strisce pedonali. Vicino al corpo investito (sarebbe rimasta schiacciata la parte superiore del corpo) si trovava ancora la borsina della spesa, che la signora aveva appena acquistato al supermercato. Probabilmente la donna ha pensato di riuscire ad attraversare la strada, anche perché i mezzi erano incolonnati e fermi davanti al semaforo rosso. Quando però la lanterna semaforica è diventata verde e la colonna ha iniziato a muoversi, Annamaria Benasi non aveva ancora attraversato del tutto la strada ed è rimasta travolta: il conducente del camion ha sentito alcune urla provenire da chi aveva assistito alla scena e un sobbalzo delle ruote, scendendo per controllare, quando però non c’era più nulla da fare. Annamaria Benasi è morta, come detto, sul colpo.

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia stradale di Casalmaggiore, per i rilievi di legge. Presente anche il comandante della Polizia locale, Silvio Biffi, in borghese, in quanto parente della donna rimasta vittima dell’incidente. Il recupero del cadavere è a opera delle onoranze funebri Roffia. Annamaria era molto conosciuta per la sua attività di volontaria per la parrocchia di Santo Stefano: lascia a piangerla il marito Gianluigi, la figlia Laura e i nipoti Carlo e Sara.

Giovanni Gardani-Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti