Commenta

E alla settima
giornata la Pomì
si fermò: 3-0 Imoco

pomì-montichiari_ev

Nella foto Skorupa al palleggio

VILLORBA – Il Pala Verde di Villorba e l’Imoco Conegliano si confermano tabù per la Pomì Casalmaggiore che interrompe in terra veneta la striscia positiva di cinque risultati utili consecutivi e si arrende al desiderio di riscatto delle padrone di casa che si impongono con un netto 3 a 0. Non tragga comunque in inganno il netto passivo, la formazione rosa, pur non avendo palesato una serata di grazia, ha lottato in tutti i parziali ed ha costretto nel terzo Barazza e compagna a ricorrere ai vantaggi.

Le due squadre si schierano con le formazioni annnunciate. L’Imoco è in campo con Glass in cabina di regia, Nikolova opposta, Adamas e Barazza centrali, Barcellini e Oszoy attaccanti ricevitrici, De Gennaro libero. Risponde la Pomì con la diagonale di palleggio Skorupa-Bianchini, la coppia centrale Stevanovic-Gibbemeyer, le bande Ortolani e Tirozzi, il libero Sirressi.  L’avvio di gara premia le padrone di casa più incisive in attacco con Nikolova e Ozsoy sugli scudi. La Pomì strada facendo acquista sicurezza e con una tripla di Bianchini raggiunge le avversarie sul 6-6. Grazie alla pipe vincente di Ortolani arriva anche il sorpasso rosa (6-7), segnale che le ragazze di Mazzanti hanno trovato ritmo. Bianchini e a seguire Stevanovic mantengono avanti di una lunghezza la Pomì che poi trova il + 2 (8-10) dopo errore di Nikolova. La situazione si capovolge grazie ad un turno di battuta aggressivo da parte di Barcellini che realizza pure un ace (11-10), e conferma Conegliano avanti anche al time-out tecnico (12-11). Due punti di Oszoy lanciano l’Imoco al primo strappo del set (15-13) ma subito Tirozzi riporta sotto le rosa. L’allungo delle locali è imperioso in corrispondenza della parte centrale del set con Oszoy incontenibile da prima come da seconda linea. Sul 18-15 la Pomì manda in campo Zago per Bianchini ma l’Imoco è lanciata e quando tocca quota 20 il tecnico delle rosa è costretto a chiamare la sospensione. Aumenta ancora il vantaggio dell’Imoco sino al 24-17 firmato da Nikolova che poi chiude di proprio pugno il parziale.

Il secondo set si apre con due errori in battuta dell’Imoco che agevolano la fuga della Pomì sull’1-3. La squadra di Casalmaggiore appare decisamente più motivata e il punteggio le da ragione 3-6 prima e 6-8 quindi. Conegliano è tutt’altro che arrendevole e con gran muro di Adams si riporta sotto. I tentativi di fuga delle rosa sono vanificati dal lungolinea di  Barcellini che innesca il sorpasso del time-out tecnico firmato da Nikolova (12-11). Tenta la fuga la squadra di Casalmaggiore a metà set e perviene sul 15-17 grazie all’ace di Tirozzi. A seguire arriva anche il 17-19 ma grazie al muro l’Imoco trova la forza per ritornare in parità ed ottenere il sorpasso  con block di Barazza su Bianchini. Entra in campo anche Gennari per Ortolani ma come nel primo set nel finale le pantere locali riescono a trovare la forza per ritornare avanti nel punteggio prima sul 22-21, quindi sul 23-22. Oszoy firma il primo set-ball subito annullato da Ortolani per il 24-23, chiude Adams dal centro.

Le ragazze di Mazzanti provano a reagire partendo nuovamente 1-3, ma è un fuoco di paglia quello della Pomì che si trova presto il fiato delle padrone di casa sul collo grazie ad un’ottima correlazione muro-difesa e ad una Oszoy che converte ogni ricostruzione. Il 9-6 dell’errore di Ortolani forza il time out Mazzanti ma le urla del tecnico casalese non sortiscono l’effetto sperato e sull’11-6 Agrifoglio, Zago e Gennari mandano in panca Skorupa, Bianchini e Ortolani. I cambi sembrano dare nuova linfa al sistema casalese fino all’11-9 del time out Negro ma l’aggancio non arriva e Oszoy spinge avanti le venete sino al 15-10 che pare archiviare anticipatamente il match. Così non è perché dal 22-18 di Barcellini con un po’ di Zago e tanto gioco al centro le casalasche tornano a contatto sino al 23-24 che pare utopico. Il batti e ribatti dei vantaggi, condizionato dai troppi errori in battuta, premia Conegliano che con Nikolova chiude i conti con l’ennesimo 3-0 ai danni della Pomì.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO 3

POMI’ CASALMAGGIORE 0

(25-17, 25-23,  31-29)

Imoco Volley Conegliano: Glass 5, Nikolova 21, Ozsoy 17, Adams 6, Barazza 6, Barcellini 9, De Gennaro (L), ne Katic, ne Fiorin, ne Boscoscuro, ne Nicoletti. All.: Negro.

Pomì Casalmaggiore: Skorupa, Bianchini 10, Tirozzi 10, Ortolani 6, Stivandovici 11, Gibbemeyer 7, Sirressi (L), Agrifoglio 1, Gennari 2, Zago 3, ne Quiligotti, ne Klimovich. All.: Mazzanti

Arbitri: Giorgio Gnani di Ferrara, Omero Satanassi di Ravenna.

Note: spettatori 1.300, durata set 23’, 26’, 33’. Aces: Imoco 2, Pomì 3. Battute sbagliate: Imoco 5, Pomì 10. Muri. Imoco 12, Pomì 3. Ricezione: Imoco  71%  (prf 31%), Pomì 67%  (prf 39%).

Mauro Vigna

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti