Commenta

Pd Viadana, no
alle “Comunarie” M5S
“Chiediamo più rispetto”

pd-viadana-pavesi-ev

Nella foto il gruppo Pd di Viadana

VIADANA – Bastano le “Comunarie”, ossia la consultazione pre-elettorale che determinerà il nome del candidato sindaco per le prossime elezioni comunali all’interno del Movimento 5 Stelle, per far scaturire qualche piccola scintilla. L’invito dei “pentastellati” di Viadana a presenziare a questo voto preliminare non ha trovato l’ok del Partito Democratico viadanese, che spiega i motivi della scelto e non dimentica di togliersi qualche sassolino.

“Ringraziamo il Movimento 5 stelle di Viadana per l’invito a presenziare alle loro Comunarie” scrivono il segretario Nicola Federici e i vari membri della segreteria viadanese Sara Viscusi, Elisabetta Frizzelli, Claudio Barigazzi, Vincenzo Vinciguerra, Alberto Apicella, Gaia Luppi e Andrea Civa “. Rispondiamo che ritenendo il movimento composto da persone serie, gente onesta e in gamba non abbiamo bisogno di controllarli. Ci fidiamo, anche se loro continuano a non avere rispetto delle nostre persone e a denigrarci con inutili polemiche. Come possono invitarci a presenziare alle loro primarie e nello stesso tempo accusarci di essere complici o bambocci controllati da un sistema? Come loro siamo persone serie e vogliamo il meglio per la nostra comunità, lo abbiamo dimostrato nell’incontro che abbiamo avuto con loro e con tutte le altre forze politiche e lo ripetiamo anche adesso che siamo qui per discutere di Viadana e di cosa possiamo fare per Viadana”.

L’apertura comunque non manca, pur rimarcando un modus operandi diverso. “Possiamo discutere di cosa fare insieme per le scuole di Viadana, o se è giusto fare la Cittadella della Salute o insieme lottare per ottenere finanziamenti per mettere in sicurezza gli argini o cosa fare per l’emergenza sociale o per attirare nuovi investitori sul territorio per creare nuovi posti di lavoro. Il nostro candidato sarà unitario, scelto dall’assemblea degli iscritti e proporremo primarie di coalizione ad eventuali nostri alleati. Il rinnovamento lo abbiamo iniziato il 12 ottobre e lo portiamo avanti ma questo non vuol dire privarsi di persone importanti che hanno lavorato bene per la comunità persone dalle quali possiamo avere preziosi consigli e suggerimenti, anche da una posizione meno centrale rispetto al passato”.

“Facciamo presente” riprende il comunicato, ritrovando la vis polemica dell’inizio “che offendendo Amministrazioni passate si rischia di offendere i cittadini che hanno a suo tempo scelto liberamente, non perché plagiati ma in virtù di opere realizzate e programmi rispettati. Sicuramente non un lavoro semplice e se vi confrontate con vostri amministratori crediamo che capirete! Ricordiamoci infine che il rispetto della persona e del proprio avversario politico viene prima di ogni competizione politica-elettorale”. Infine una promessa da ricordare in campagna elettorale. “Noi non parleremo mai male degli altri partiti per emergere, non ne abbiamo bisogno e non fa parte della nostra filosofia, anzi tutt’altro per emergere come forza politica crediamo nella collaborazione, soprattutto quando l’oggetto delle discussioni sono il benessere e i servizi per la nostra città. Ci confronteremo sui programmi, sulle prospettive future per Viadana. Su questo sì discuteremo e daremo battaglia”.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti