Commenta

Piadena, guerra
alle nutrie: ordinanza
di abbattimento

nutrie-ev

PIADENA – Il comune di Piadena dichiara guerra alle nutrie. Con un’ordinanza sindacale pubblicata all’albo pretorio lunedì 12 gennaio, il primo cittadino Ivana Cavazzini conferma l’emergenza dettata dal proliferare dell’animale e dispone che i dodici cacciatori residenti nel piadenese autorizzati all’abbattimento del myocastor coypus procedano “in via straordinaria e temporanea, su tutto il territorio comunale” alla “cattura e soppressione mediante il sistema, già in uso, delle gabbie trappola”. L’abbattimento potrà avvenire tutti i giorni della settimana, 24 ore su 24, sino al 31 gennaio 2015. “Si autorizza l’uso di fonti luminose per le ore notturne e – recita l’ordinanza -, qualora fosse necessario, di procedere agli abbattimenti dai mezzi di trasporto”, non solo via terra ma anche mediante una barca per percorrere i colatori interni sul territorio comunale, data la presenza di numerose nutrie in essi”. “Qualora si dovesse operare nei pressi delle case – specifica il sindaco Cavazzini – gli abitanti dovranno essere avvisati del giorno e dell’ora dell’intervento”.

“Poiche si tratta di intervento eccezionale e straordinario, l’abbattimento potrà essere eseguito anche nelle zone naturali o precluse alla caccia”, fermo restando il rispetto delle norme vigenti in materia venatoria: “Gli abbattimenti si svolgeranno con la massima cautela e nel massimo rispetto dell’incolumità della cittadinanza”. Le prestazioni dei dodici cacciatori saranno del tutto volontarie, saranno solo rimborsati i costi delle munizioni utilizzate per i capi abbattuti. L’ordinanza firmata dal sincado Cavazzini nasce dalle segnalazioni ricevute dal comune di Piadena: “Numerosi cittadini denunciano l’invasione di nutrie su tutto il territorio comunale e segnalano che gli animali scavando gallerie nei terrapieni dei canali e dei manufatti contribuiscono a mettere a serio rischio gli argini che in caso di rottura metterebbero a repentaglio la difesa idraulica e l’irrigazione del comune”. “Da sopralluoghi effettuati sulle sponde dei fiumi e dei corsi d’acqua – precisa quindi l’ordinanza – è emersa la rilevante presenza di nutrie, che ha raggiunto dimensioni preoccupanti”. Per questo il Comune ha deciso di intervenire “a tutela della salute dei cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti