Commenta

Calcio, dopo Big
Snow è il momento
finalmente di giocare

calcio_ev

Si torna in campo, finalmente, senza più il problema neve. E anche se le previsioni meteo non promettono nulla di buono (si parla, con insistenza, di pioggia), l’impressione è che si possa giocare. Anche perché, diciamocelo, dopo due stop di fila gli arbitri faranno il possibile per  far disputare regolarmente il turno odierno.

In Emilia Romagna nel girone A di Prima categoria la Casalese sfida il Rottofreno: si tratta di uno scontro diretto fondamentale, non tanto per evitare l’ultimo posto, che è a distanza di sicurezza stante la pochezza del Baby Brazil (7 punti), quanto piuttosto per tornare nella forbice di punti che consentirebbe di giocare i playout (occorre arrivare entro i 6 punti e la Casalese, ad oggi, ne ha 7). Il Rottofreno, due punti in meno dei biancocelesti e la seconda peggior difesa (53 gol), ha lo stesso problema: vincerà, dunque, la paura?

In Prima categoria C, sempre in Emilia, il Viadana sfida invece il Fabbrico: in questo caso l’obiettivo è opposto, ossia l’assalto ai playoff. I gialloblu sono a -4 dal quinto posto, il Fabbrico invece è a -6. Solo chi vince può ancora sperare e il team di Angelo Boni ha, se non altro, la possibilità di dare continuità al trend interno, dove ha vinto le ultime tre partite, sempre di misura e subendo soltanto due gol. L’occasione è ghiotta, anche se la lunga pausa può essere un’incognita importante.

In Prima categoria girone G (siamo tornati in Lombardia) il Psg di Giuseppe Maglia ospita la Pro Desenzano, formazione difficile da decifrare, che sulla carta vale i playoff, ma in realtà ha perso molto terreno e ora è scivolata a 8 punti dal quinto posto. Chi invece vede l’obiettivo ampiamente alla portata è invece la squadra blaugrana, che deve mangiare 4 punti al Castello Ostiano, impegnato in un altro scontro cremonese-bresciano, in casa propria contro il Ghedi.

In Seconda categoria il big match si gioca nel girone mantovano (N) tra Polisportiva Futura e Suzzara: unica a giocare domenica scorsa (ko 2-1 a Sarginesco), la formazione di Faglioni affronta, dopo la capolista, anche la seconda della classe. E’ una partita senza calcoli per il team di Dosolo, che attualmente si trova a -12, ma ha una partita in più. Di fatto il Suzzara può schizzare a +15 e, se si vuole credere ancora nei playoff, l’unico modo è vincere lo scontro diretto. Servirà fermare il secondo migliore attacco e perforare una difesa, quella ospite, non irreprensibile. Altro scontro diretto è quello tra Serenissima e Pomponesco: i blues, invischiati in piena zona playout, devono vincere per superare gli avversari di oggi e risucchiarli così nelle ultime posizioni. Un pareggio può dare continuità a un percorso che però è stato proprio frenato da troppi segni “x”.

Anche il girone cremonese (I) non scherza, con la sfida tra Rivarolo e Torrazzo: le due squadre si trovano al quinto posto a pari punti a quota 31. Il punto è che entrambe le formazioni, ad oggi, sarebbero eliminate dalla corsa playoff, perché hanno ben 11 punti in meno rispetto al Sesto 2010 (secondo, e serve ridurre la forbice almeno a 9 punti). Tradotto: solo chi vince si regala una nuova chance e il Rivarolo, in casa, ha già toppato troppo. Alla stregua di uno scontro diretto può essere considerato anche Persico Dosimo-Gussola, anche se l’undici di Cappelli ha 11 punti in più rispetto agli avversari. Ma essendo il Dosimo penultimo, e il Gussola sestultimo (dunque prima squadra in salvo, sebbene con 7 punti di margine sulla zona rossa), meglio non fare scherzi e tenere chiuso il discorso. La Martelli, invece, è potenzialmente a -1 dal quinto posto (deve recuperare infatti una partita e se vince si avvicina) e per continuare ad alimentare il miracolo playoff (che, proprio in quanto miracolo, è duro da raggiungere) deve vincere in casa del San Luigi Pizzighettone: impresa tutt’altro che impossibile in casa dell’ultima, dove però, attenzione, ha già inciampato anche il Rivarolo.

In Terza categoria A, dopo due settimane di stop, torna in campo anche la Cannetese, che da penultima della classe prova a fare lo scherzetto, in campo avverso, alla Medolese terza in classifica a -5 dalla capolista Olimpia 05. Sfida impari sulla carta, ma nel calcio mai dire mai, anche se nell’ultimo periodo i rossoblu sono stati poco brillanti.

Giovanni Gardani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti