Commenta

San Matteo, atti
vandalici e quella
pensilina della discordia

san-matteo-vandali_ev

Nella foto la pensilina danneggiata e le panchine imbrattate

SAN MATTEO DELLE CHIAVICHE (VIADANA) – Ancora una volta la pensilina dell’Apam a San Matteo delle Chiaviche torna preda dei vandali, e il problema è che per riparare i danni, o meglio per risolvere il problema una volta per tutte, occorre attendere nel classico gioco dello scaricabarile.

La segnalazione ci è giunta da un cittadino della frazione che, osservando la pensilina in via Trieste, suggerisce prima di tutto di spostare la stessa in una zona più confacente, suggerendo lo spiazzo davanti all’ex cinema, spiegando che potrebbe essere un primo passo compiuto dalla politica (e magari dal futuro sindaco di Viadana) per rivedere un arredo urbano da molti giudicato ormai superato e obsoleto. Restando però sul fatto “immediato”, ossia sui vandalismi ai danni della pensilina, il gesto è stato segnalato all’Apam, che ha però risposto che la questione deve essere presa in mano dall’amministrazione locale (la situazione a Viadana, con il commissariamento del comune, è ben nota).

Quella pensilina peraltro, ci scrive lo stesso cittadino, crea disagio venendosi a trovare su una mezza curva, con le famiglie che per uscire su via Trieste con l’auto hanno problemi di visibilità. Non si esclude infatti, anche se questo non giustificherebbe il gesto, che i danni alla pensilina siano stati provocati da un malsano sentimento di “vendetta” verso la stessa struttura. Una pensilina della discordia, dunque: un piccolo problema, certo non vitale, ma del quale anche la nuova amministrazione dovrà tenere conto in un quadro di riqualificazione globale della frazione.

Peraltro nell’ultimo weekend si sono verificati altri atti vandalici, con i soliti “graffittari” che hanno pensato di dichiararsi il loro reciproco amore, quando non sono arrivati a scritte oscene, usando come “tela” improvvisata le panchine della ciclabile e le chiaviche di San Matteo: un imbrattamento in piena regola, molto lontano da un’opera d’arte, da qualsiasi lato lo si voglia vedere…

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti