Commenta

Ultime messe
a Commessaggio per
don Emilio Merisi

merisi-don-ev

Nella foto, don Emilio Merisi

COMMESSAGGIO – Ancora due messe e don Emilio Merisi se ne andrà da Commessaggio. Il giorno che nessun parrocchiano del luogo vorrebbe mai leggere sul calendario, è arrivato. Domenica 22 marzo la nuova destinazione attende il sacerdote che pochi mesi fa aveva ricevuto dal Vescovo di Cremona la notizia del suo trasferimento in quel di Romanengo, in territorio cremasco. “Non mi sento come un soldato costretto a ubbidire” aveva commentato alla richiesta di esprimere un parere sulla decisione vescovile. “Però mi pare giusto andare anche perchè capisco che quella comunità è rimasta sguarnita dopo la morte di don Cesare Rossi (altro mantovano, ndr)”. Tra pochi giorni dunque l’addio dei parrocchiani di Commessaggio al loro amato parroco. Già domenica scorsa ci sono stati momenti di aggregazione e saluto.

Definirlo un evento di festa non è appropriato perchè in situazioni del genere ciò che prevale è sempre un velo di nostalgia e tristezza. Però i parrocchiani hanno già prenotato un paio di pullman a significare che almeno un centinaio di persone accompagnerà don Merisi verso la nuova destinazione. Senza contare le auto private con a bordo altra gente del paese. Le ultime due messe, don Emilio, le celebrerà alle ore 9 e alle 11 di domenica mattina dopodichè nel pomeriggio vi sarà la partenza per Romanengo dove ad attenderlo alle 15,30 ci sarà il Vescovo Monsignor Dante Lafranconi per la lettura del decreto di nomina. La celebrazione avrà un rito solenne con la presenza del Vicario zonale don Antonio Bandirali, con Andrea Fusar Imperatore e Matteo Polonini che porgeranno a nome della comunità il benvenuto con un’offerta di denaro per venire incontro alle situazioni di fragilità. Ci sarà anche la corale diretta da Stefania Fortini. Presente pure il  sindaco di Romanengo Attilio Polla che porgerà il benvenuto a don Emilio a nome dell’intera comunità.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti