Commenta

Brand Op su Corriere:
e dagli operatori nuove
idee per il turismo

oglio-po-corriere_ev

Nella foto il piede pubblicitario sul Corriere

CASALMAGGIORE/SABBIONETA – L’attività di promozione turistica per il comprensorio Oglio Po sbarca anche sul quotidiano più letto d’Italia. Sul Corriere della Sera di domenica, come era già stato annunciato dagli Amici di Casalmaggiore e dal Gal Oglio Po, è stato infatti acquistato uno spazio pubblicitario, in gergo un “piede”, per pubblicizzare proprio il comprensorio a cavallo tra i due fiumi, le sue eccellenze, il nuovo sito www.ogliopo.it senza dimenticare una delle nuove tecnologie più in voga, il codice QR, che consente, tramite la lettura mediante smartphone, di visualizzare i video promozionali.

Non è l’unica novità: dopo la serata di presentazione al territorio del Sistema di Promozione dell’Oglio Po, tenutasi lunedì scorso a Sabbioneta, l’incontro di approfondimento e confronto con gli operatori si è svolto presso l’Hotel BiFi di Casalmaggiore venerdì 27 marzo. Una riunione partecipata da commercianti, Pro Loco, ristoratori, strutture di accoglienza, dove i promotori del Sistema OP – Viaggiare nell’Oglio Po (Comuni di Sabbioneta e Casalmaggiore, Gal Oglio Po e Amici di Casalmaggiore) hanno fornito dettagli e risposte sul meccanismo attivato in sinergia tra enti pubblici e referenti privati. Un incontro di lavoro, con un approccio di riflessione e concretezza su quanto è stato realizzato e già disponibile, ma anche su quanto ancora manca per lo sviluppo turistico del territorio, lasciando la parola a chi opera quotidianamente nel settore.

La domanda che ha aperto il confronto è stata la seguente: come rendere l’Oglio Po una vera e propria destinazione turistica? La risposta in una formula semplice solo in apparenza: immagine del territorio, notorietà dell’area, organizzazione in un prodotto turistico affidabile e identificabile. Ai primi due elementi è stato dato il via con il brand turistico OP-Viaggiare nel’Oglio Po e con una campagna promozionale risultato della collaborazione tra diversi soggetti (gli spot promozionali tra Cremona, Alto Adige e Germania del Comune di Casalmaggiore, la settimana in Expo del Sito Unesco Sabbioneta, il Piano di Promozione del Gal).

Sull’organizzazione e la messa a sistema del territorio, è emersa l’importanza di sfruttare in rete gli strumenti già disponibili: il trasporto ExpoBus di Casalmaggiore (che prevede punti di raccolta dei visitatori sui principali centri del territorio fino al più vicino casello autostradale cremonese), gli oltre 20 pacchetti turistici predisposti dal Gal (per dare insieme una risposta alle manifestazioni di interesse dei tour operator raccolte alla BIT 2015 dagli Amici di Casalmaggiore), la diffusione presso commercianti e operatori del brand Op. L’attività e gli sforzi proseguono: dalla riunione sono scaturite anche nuove idee subito inserite nell’agenda dei lavori in corso, per favorire un miglioramento e una crescita del turismo nel comprensorio Oglio Po.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti