Commenta

Casalmaggiore dice
addio a due cabine
telefoniche

telecom-cabina-ev

CASALMAGGIORE – Meno di duecento chiamate all’anno: troppo poche per giustificare la presenza di una cabina telefonica. Ecco perché Telecom Italia, come anticipato dal sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, “intende dismettere due cabine telefoniche, in piazza Marini, di fronte all’oratorio di Santo Stefano, e a Vicomoscano in via Manzoni, davanti alla scuola primaria”. La data è già stata comunicata al primo cittadino: “Sarà il 16 giugno prossimo”.

“Si tratta – spiega Bongiovanni – di un provvedimento nazionale che coinvolge tutti i comuni d’Italia”. Le storiche cabine telefoniche Telecom, già passate dai gettoni alle schede per il pagamento delle chiamate, non reggono più il confronto con la telefonia mobile e la società di telecomunicazioni che copre l’intero territorio nazionale sta progressivamente ritirando dal suolo pubblico tutti quei dispositivi fissi che non superano la media di 200 chiamate all’anno. E a Casalmaggiore e frazioni ve ne sono due, che spariranno il prossimo 16 giugno.

S. A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti