Commenta

Torre d’Oglio da elezioni
De Martino: “Progetto
con cooperativa”

de-martino-torre-oglio_ev

Nella foto Roberto De Martino e il ponte di Torre d’Oglio

VIADANA – Diventerà il ponte in barche di Torre d’Oglio, tra Marcaria e Viadana, l’argomento incalzante per le imminenti elezioni amministrative viadanesi? La sensazione nasce dal fatto che al recente messaggio di Nicola Federici (candidato Pd) che lancia l’allarme circa il rischio di una chiusura del medesimo manufatto nei giorni festivi e di notte, per le scarse risorse della Provincia mantovana, risponde a stretto giro di posta Roberto De Martino, che oltre ad occuparsi da sempre di questioni sociali adesso è anche candidato alla poltrona di primo cittadino per “Alleanza Civica”.

In sostanza De Martino informa che d’accordo con l’assessore di Marcaria Simonazzi sarebbe già pronta la soluzione per evitare i temuti disagi ai pendolari che usano il ponte per i loro trasferimenti. “Abbiamo prospettato di utilizzare persone appartenenti alla Cooperativa sociale Lunezia di Pomponesco (il presidente è Paolo Tortella) da impegnare nei momenti in cui il personale tradizionale non ricoprirà i turni. Si tratta di un’operazione non solo di tipo sociale ma anche un’opportunità di lavoro per persone invalide e che comunque hanno bisogno di lavoro”.

De Martino ha già sottoposto il progetto all’Ente Provinciale ricevendone un sostanziale assenso. Anche perchè si arriverebbe ad un grosso risparmio rispetto ai costi altissimi che prima di questa prospettiva erano stati indicati. Quindi grazie al personale della cooperativa Lunezia si arriverebbe ad evitare la chiusura del ponte in barche ed evitare di domenica e di notte lunghe deviazioni ai mantovani che transitano da quelle parti. In sostanza il candidato di “Alleanza Civica” aveva già pronta la soluzione prima che il Pd di Federici lanciasse l’allarme, suggerendo l’installazione di sistemi automatici di videsorveglianza e di interruzione del traffico in caso di emergenza e in prospettiva la creazione di un luogo di ritrovo e di conviviali per togliere la zona dall’isolamento e dall’abbandono.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti