Commenta

Il Teatro all’Antica
narrato da uno “Zanni”
Spettacolo a Sabbioneta

teatro-antica_ev

SABBIONETA – “Voria farve saver ”… anche questo fine settimana sarà rallegrato dalle performances di Elisabetta Rossetti, che assumerà le vesti di una guida molto particolare. Nel solco della tradizione cinquecentesca della commedia dell’arte, Elisabetta sarà uno Zanni, il servo ingordo e curioso che col suo lungo naso sembra poter arrivare in tutti gli anfratti più segreti della vita di corte.

Accompagnata dalle belle danze rinascimentali messe in scena dal gruppo storico “Città di Sabbioneta”, Elisabetta racconterà , in un dialetto veneteggiante di sua invenzione, le vicende che hanno portato alla progettazione, costruzione e decorazione del Teatro all’Antica di Sabbioneta, il monumento più emblematico della “creatura” di Vespasiano Gonzaga. Gli spettacoli si svolgeranno a orari fissati, intrecciandosi alle visite guidate negli altri edifici della città Patrimonio dell’Umanità Unesco. La Pro Loco ha pensato di proporre le performances nelle domeniche 26 aprile e 3 maggio, visto il grande successo riscosso nella giornata di Pasquetta e l’anno scorso durante i giorni di maggiore affluenza.

Anche la troupe di Alberto Angela, nel corso delle registrazioni della puntata di “Ulisse” andata in onda a fine ottobre dello scorso anno, e dedicata alle corti di Ferrara, Mantova e Sabbioneta, si è giovata del talento artistico della Rossetti e della partecipazione del Gruppo Storico per mettere in scena una saporita scenetta e una vivace partita di tarocchi. Sabbioneta figurava a fine Cinquecento come un grande palcoscenico, riflesso sulla scena del teatro, con i cortigiani che ancora occhieggiano dalla balaustra in cima alle pareti, e Vespasiano, nei pochi mesi in cui lo utilizzò, volle una compagnia di comici locali a rallegrare le sue serate. Ancora rivive quell’antica tradizione.

redazione@oglioponews.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti