Commenta

Pomì, tra PalaVerde
e PalaRadi è questione
di prime volte

pomì-conegliano-playoff_ev

Foto Sessa

CASALMAGGIORE – Nello sport come nella vita c’è sempre una prima volta. La prima volta della Pomì Casalmaggiore al PalaVerde di Villorba è giunta nel momento più importante di una serie di semifinale che si sta rivelando incerta sino alla fine. Capita dunque che la formazione casalasca che aveva collezionato sul campo dell’Imoco solo bocconi amari risultando sconfitta sempre in tre set nei precedenti, distribuiti tra regular season e playoff e nell’arco di due stagioni, riesca non solo a vincere il primo set della sua storia nell’impianto trevigiano, ma si renda protagonista di una sorta di impresa espugnandolo col punteggio più netto davanti ad oltre oltre cinquemila tifosi giallo-blù. Un’autentica impresa quella portata a compimento dalla formazione rosa che ha dato seguito al successo in gara tre dove già aveva dimostrato di volere fermamente invertire la rotta.

E di inversione si può in effetti parlare analizzando il rendimento di Casalmaggiore capace di riproporre, dopo quella del Pala Radi di appena due giorni prima, un volley che le era stato compagno fedele durante la stagione regolare e di riassaporare sensazioni ed equilibri di squadra che ne avevano favorito l’approdo sulla seconda poltrona della classifica. La strepitosa prestazione di Serena Ortolani è solo la perla di una gara in cui il tecnico Davide Mazzanti ha potuto apprezzare un rendimento di squadra davvero apprezzabile. Perfetta la gestione dei passaggi chiave dei set, il testa a testa del primo, il recupero nel secondo e la tenuta mentale nel terzo che alla fine ha visto la Pomì dominare le avversarie ormai prive di idee e consapevoli della resa.

Anche l’ormai famoso effetto Pala Verde, mal digerito dalle rosa in gara due, è stato esorcizzato alla perfezione, nella bolgia dantesca dell’impianto trevigiano la Pomì ha trovato motivazioni a mille per centrare il grande risultato. Ora si riparte da zero, l’equilibrio è di nuovo ristabilito e la formazione casalasca (mercoledì ore 20,15) potrà giocarsela alla pari con le avversarie con molte più certezze e soprattutto davanti ai propri tifosi. Novara dovrà attendere ancora poco per conoscere la propria avversaria e la Pomì è pronta a giocarsi questa grande occasione con tutte le proprie forze.

Mauro Vigna

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti