Commenta

Ricordando Mimì,
vent’anni dopo omaggio
di Gazzuolo alla Martini

mia-martini-gazzuolo_ev

Nella foto due momenti dell’evento

GAZZUOLO – Importante e appassionata iniziativa in omaggio a Mia Martini in ricordo della sua tragica scomparsa avvenuta venti anni fa. Grazie al coinvolgimento dell’associazione belfortese “I Ragazzi di Mimì” sono stati allestiti tre giorni di eventi, dal 1° al 3 maggio, con mostre di fotografie, esecuzione delle sue canzoni più emozionanti, frammisti a letture di brani scelti tra quelli che in maniera più straordinaria riuscivano a tracciare un ritratto il più aderente possibile alla personalità della grande interprete italiana.

In mezzo alle confessioni di sofferenze e crisi esistenziali, provocate sia dalla cattiveria umana che da un periodo di dipendenza  dagli stupefacenti che le sono anche costate la carcerazione, sono emersi pure ricordi ironici e avventure divertenti. Come quando  per alloggiare nelle pensioni delle suore, durante le tournèe con la sorella Loredana Bertè e l’amico Renato Zero faceva passare quest’ultimo come una terza sorella, approfittando della sua chioma lunga e pagando così una stanza sola. Arrivando persino a uscire dagli alberghi calandosi dalle finestre con le lenzuola dei letti per non pagare il pernottamento.

Del talento di Mia Martini, in grado di raggiungere il livello di Mina se non avesse deciso di terminare la carriera e la vita con un gesto di autolesionismo, è stata contagiata la generazione degli anni ’90 con il coinvolgimento di quelle successive anche grazie alla passione di una soprano come Giovanna Campanini, che dopo aver creato una piccola scuola di canto in via Belgioioso a Belforte è riuscita a contagiare anche papà Bertè, da cui ha ricevuto lo stimolo a continuare quello che all’inizio era semplicemente un omaggio alla cantautrice scomparsa. Proseguendo con un impegno che i “Ragazzi di Mimì” hanno reso proprio, ideando il “Festival Mia Martini” che oltre a Gazzuolo ha coinvolto anche Belforte e Buscoldo.

Rosario Pisani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti